newsletter

Red Poet (Documentary Film about Jack Hirschman)

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

BLANCHE ACOUSTIC DUO

Tecnologia. C’è un Commodore 64 in uso da 25 anni in un’autofficina.

Wired

Wired

Wired.it

Ricordi l’Amiga che regola i termosifoni della scuola? Bé i computer d’antan continuano a stupire e ora è stato scovato un Commodore 64 che da 25 anni resiste duro e puro in un’autofficina.

Ridotto ai minimi termini, unto come non mai e pieno di polvere, il computer e il suo monitor verde brillante sono stati trovati a Gdansk, in Polonia, e il bello è che funzionano ancora perfettamente. Il C64C, questo il modello, viene usato ancora oggi per bilanciare gli alberi di trasmissione delle auto. Nonostante il guano che lo ricopre, riesce a misurare le variazioni di pressione, accelerazione, temperatura, tensione e forza rimettendo in forma le vetture da ben 25 anni.

Inutile dire che la foto scattata da tale Bartek e postata nella pagina Facebook di Retrokomp/Loaderror ha fatto il giro del mondo. Impossibile resistere a quel look retrofuturistico alla Fallout e poi ora sappiamo che, se è sopravvissuto in un’officina per 25 anni, il Commodore potrà farsi beffe anche di un’apocalisse nucleare.

Non è poco.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>