newsletter

Red Poet (Documentary Film about Jack Hirschman)

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

BLANCHE ACOUSTIC DUO

Dialetto in pillole – 44. Il ritorno del figliol prodigo (Pina Zaccari – El vigulu – atto II)

Fabio Marchetti

Fabio Marchetti

Avvertenza: con questo post di “Dialetto in pillole” n. 44 e con il prossimo di “Amarcord” (n. 45, che sarà postato martedì prossimo) le due rubriche sono sospese per il periodo estivo. Riprenderanno in settembre.

 

Il ritorno a casa di Francé, emigrato in America anche per una situazione di conflitto in famiglia. Il giovane vorrebbe sfogare tanta rabbia accumulata in petto per colpa, lui pensa, soprattutto di sua madre. E lei che non vede altro che il figliol prodigo di nuovo tra le mura di casa. La felicità che fa dimenticare tutto il resto.

 

Nena Fàmmete ‘ede! Francé,fiju mia bellu! Staghi bè? Fammete ‘mbraccià… Nun pòle èsse… De quant’è che ‘spettuuuu… Jezzuuu… me ‘jengu mancu… Francé mia…(Ettoria la soccorre facendole aria con una ventola e Niculina provvede con un bicchiere d’acqua) Bellu de mamma! (Si accascia)
Bicetta (Rientrando) Francé?… Fratellu mia! Campió de casa nostra…Cume stai? El còre me zompa… Te sai fattu più bellu ! (Lo abbraccia) Perché nun hai mai scrittu ‘na riga? ’Ndu s’hi ‘ndatu a fenì?… Quantu t’ému pensatu! (Scoppia in un pianto dirotto) Francé nostru…
Francé (Con tono astioso) Perché, valtri nun putèi scrie? Bastàa ‘na parola de salutu… Da per me, scurdàtu da tutti… Lu so iu quellu che hu passatu!
Nena

 

 

 

 

 

 

 

Ettoria

Oh fiju, cume stai ? Madonna mia te rengraziu! Fiju mia… fammete ‘ede! Eccùme scurdàtu? Tutti  i santi giorni su buccata drentu chiege a rcumannàmme cu’ nostru Signore che te facesse ‘rvenì! Jezzu… tremu ttutta…’Jutateme! Daéru se mòre meju pe’ ‘na cuntentezza che pe’ ‘na pasció! (Lunga pausa mentre Niculina, preoccupata le porge un altro bicchiere d’acqua ed un fazzoletto per asciugare le lacrime, cercando di sostenerla con parole affettuose). Oh fiju mia, fammete ‘mbraccià… Staghi bè  scì? Nun me pare ‘eru, nun me pare ‘eru…

 

(Di sottocchio verso Niculina) Nun te ‘mbillà Niculì… Quessa è un curpacciu duru, se piagne, je fa solu che bè!

Francé Adè so’ tu fiju, adè ‘uléte  sapé cume sto?
Nena Nun me dì cuscì… Nun me murtefegà! Sapessi che pasció, che gnoccu cchi ‘nt’e la gola… Notte e giornu me so’ ‘rcumannàta a la Madonna del Succorsu: guardàteme quel fiju! (Lunga pausa di silenzio) Da la matina a la sera  el pensieru mia  sempre lì: starà bè? Perché nun ‘rviè a casa? Madonna mia mia, fammelu ‘rvede, prima de chiude j occhi! Cusa mai j’arò fattu de male?… Quante  nuttate in biangu… Quanti scrupoli me s’hu fatta… Quanti pianti da per me…(Piange sommessa)
Francé Quanti pianti da per me!… Quanti muccigotti me su dàttu ! Quellu che hu tribbulatu in tera straniera nun se pole ‘mmaginà. Parlàu, nun me capìa gnisciunu. El tano, el tano! Nun eru più Francé, ma el tanu capitu? L’italiano…
Niculina (Commossa) Gente ve salutu, nun possu sentì, neppa, neppa! Passu lì da Urora[1] … O Ettoria  ce pensu iu a purtàtte el pà! (Esce e diffonde subito la notizia del ritorno di Francé, con i commenti più svariati ed enfatici)
Bicetta Fratellu mia, nun ce pensà più! Nun ce pare ‘eru! Basta, fenìmela prima che sia tardi ‘n’antra ‘ò… Urmai  sai al Portu ! Sai a casa tua o Francé!
Francé

 

 

 

 

 

 

 

 

Nena

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ ‘na parola! Cume fagu a scurdàmme che hu fadigatu cume un sumaru, giornu e notte, pe’ nun pensà. A la tempurada[2], sotta el sole che bbrugiàa, la testa mia era sempre cchi la marina, ’èrsu el campu de Trucchia, me rvedèu ggió ‘l fiumu, ’n’tel campettu dei frati, al ponte dei zengheri…[3] (Lungo silenzio) Fenitu lì, hu passatu sei mesi a la renèra de Castellani [4], eppò  hu cumenzatu cu’ la pesca d’altura a Mar del Plata. Furtuna zi’ Chiudoru, sennò me smattìu! Embè, quannu stacéu a largu, in mezzu al maru, le sirene dei barchi me paréene el pittu dei Cimenti e dei Cuncimi![5]

Francè,fiju mia ‘ttaccatu, bellu de mamma! Quantu ému tribbulatu senza mai parlà. T’arìa spiegatu tante cose, ma sai fuggitu da longu…

Iu, ma però, t’hu ‘spettatu sempre…(Segue lunga pausa) Se hu sbajatu, se t’hu dittu calche parola  malamente, nun è statu pe’ cattièria, so’ mameta e nun possi capì quantu te ‘oju bè ! O fiju mia ‘ttaccatu, fiju bellu, perdoneme! (Lo abbraccia )

Peppe (Anche lui commosso, dopo breve silenzio, cerca di sdrammatizzare la tensione del momento) Bellu de babbu, lassa ‘ndà, ce rcunterài un po’ a la ‘olta. Ce sarà tempu? Adè besogna che te reposi! Ma però, basta che me ‘mpari a giugà a truccu[6], cuscì in cantina li famu rmanne cu’ j occhi de fora!  …………….
Fabio Marchetti

Fabio Marchetti

**** (le foto sono di Fabio Marchetti)

[1] Aurora e Giuseppe Ronach, gestivano un forno pizzeria all’angolo tra via Pietro Micca e via Garibaldi.

[2] Hispano-americano temporada, stagione della raccolta del grano (estate).

[3]campettu dei frati, piccolo campo di calcio dell’oratorio salesiano – ponte dei zengheri,  all’ingresso sulla statale 16 Adriatica in dirzione Loreto, vi sostavano i pellegrini (detti zengheri) che si recavano al santuario.

[4] Cava di rena.

[5] Fabbrica di concimi chimici della Montecatini (poi Montedison), sita al confine nord dell’incasato urbano, attiva dal

1907 al 1971.

[6] Gioco di carte di origine spagnola, divenuto in Argentina un gioco nazionale; è stato importato in Italia dai nostri emigranti di ritorno in patria. Geograficamente a macchia di leopardo, si gioca in tutta Italia.

 

 

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>