newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Referendum e amministrative. Verdini riporta Silvio da Renzi. L’ex Cav. nel Partito della Nazione

Foto da Internet

Foto da Internet

Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)

Matteo Renzi ha portato a casa il sostegno di Pierluigi Bersani sul referendum di ottobre. E non è poco. Però, stando a quanto risulta ad Affaritaliani.it, Massimo D’Alema – sempre duro e polemico con il premier – si prepara a schierarsi a favore del no al ddl Boschi. Politicamente forse non sposterà moltissimo, ma certamente a livello di immagine per il presidente del Consiglio si tratterà di uno schiaffo doloroso.

Il fronte dei contrari alla riforma istituzionale si allarga e comprende ora una fetta del Pd e di ex Pd, Sel, la Lega, Fratelli d’Italia e il Movimento 5 Stelle. Forza Italia, ufficialmente schierata per il no, non si spenderà in campagna elettorale e comunque al suo interno c’è una parte – soprattutto quella che ha spinto per appoggiare Alfio Marchini a Roma e non Giorgia Meloni – che potrebbe anche aderire a titolo personale a qualche comitato per il sì.

Non a Pavia esponenti azzurri hanno dato vita nelle scorse settimane proprio a un comitato per il sì in vista del referendum istituzionale del prossimo autunno. Berlusconi in questo momento attende di capire come finiranno le elezioni comunali del 5 giugno e soprattutto vuole comprendere bene il progetto di Renzi. Se come pare i comitati del sì diventeranno le basi per il Partito della Nazione, con Verdini, Alfano e gli ex montiani di Scelta Civica, a quel punto una parte di Forza Italia, e magari anche l’ex Cavaliere, potrebbe scegliere la nuova formazione centrista del premier e non la destra salviniana di Salvini e Meloni.

Foto da internet

Foto da internet

Va da sé che tra gli azzurri sarebbe inevitabile una scissione da parte di chi non vuole assolutamente alcun legame con il leader dem. Nei giorni scorsi Verdini ha telefonato a Berlusconi per complimentarsi per la decisione sulla candidatura di Roma e in qualche modo ha ritrovato quel ruolo da pontiere tra Renzi e l’ex premier. Se il 5 giugno Forza Italia regge allora il Centrodestra resterà in piedi e difficilmente Salvini potrà essere il leader e candidato premier, ma se gli azzurri crollano alle Amministrative, con il Carroccio nettamente avanti, a quel punto la strada centrista verso il Partito della Nazione di Renzi, passando attraverso il pontiere Verdini e il referendum di ottobre, sarà in discesa.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>