newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Dialetto in pillole – 38 El vìgulu, atto I, scena I – nel vicolo

1-Locandina

Sul proscenio appare un personaggio tipico del paese.

E’ la figura solitaria di una donna, la quale interviene sempre con un canto, per introdurre la vicenda che si snoderà, con i caratteristici “dispetti”.

( Nell’immaginario di chi scrive, tale personaggio vuole rappresentare la verità, la coscienza o, più semplicemente, il lato apparente della realtà, da cui scaturisce il pregiudizio, frutto della leggerezza e della faciloneria altrui )

1-Peppe, primo a sx, è Davide Staffolani

Filumena

Su’ stata sempre donna unurata

ma pe’ la lengua tua so’ mascarata [1]

se pe’ la lengua tua so’ mascarata

tu all’infernu ‘ncó’ sai cundannata!

Hu fattu pe’sgambià dô , tre parole

ma nun dicéu de fa tuttu su male

e nun dicéu de fa tuttu su male

ma la cuscienza adè’ fa tantu dòle!

Ne ‘mmazza più la lengua che la spada

e cu’ la ‘nvidia nun fai ‘ita bòna

cu’ la calunnia nun fai ‘ita bòna

la maldecenza dopu te ‘jè sopra!

Daje de taccu,daje de punta

‘scultàmu bè’ quellu che ‘rconta

…questa è ‘na storia guagi ‘era

bonasera…bonasera…!

Foto Marcehtti

Foto Marcehtti

La scena si apre su un vicolo della vecchia Porto Recanati: casette basse con finestre spalancate, tanti strumenti di lavoro appoggiati ai muri, panni stesi, bambini che giocano, vecchi intenti a remacchiare le reti, donne affaccendate, una cantina aperta su di un lato. Un brulicare di tante voci corali, come in un teatro all’aperto. Poi il campo si restringe in un interno : la casa di Nena. 

Nena   (Arriva frettolosamente dalla parte opposta al vicolo, brontolando tra sé.

Rincasa e sbatte la porta. Allo stesso modo fa il marito, poco dopo, richiamando l’attenzione di tutti. Si accende un’animata discussione tra i due)

Nun je la fagu più! Tuttu sopra le spalle  mia! So’ destrutta cume ‘na candela, drentu ‘sta casa c’è buccate le sdreghe…

Peppe   (Sull’uscio) ‘Sta ‘olta te fagu ède iu chi è Peppe Sbregaferu! Nun basta ‘nco’?

Hi fenitu  a predecà? E quantu dura ‘sa lierna? [2]

Nena   Se  nun me sfogu  moru. Mostra che quannu su’ nata iu piuèa el fogu!
Peppe   Su fiatu tiègnelu da contu per quannu è là…[3] (Varca la soglia)
Bicetta   (Rientra frettolosamente, ammonendo i genitori) V’hu ‘ntesu da lì  n casa mia’! Ahó tutti dô! Nun ve basta mai, peggiu de le criature! Basta, basta! Quante ‘ò ve lu dèu dì? J urli ‘ostri se sèntene finamente ggió la marina! Fatevela fenita! Se pole campà cuscì ? Tutti giorni ‘na cagnara, ca’ e gatti. De fora ve sèntene tutti! Dopu ‘ncora i muri pàrlene! Ce famu cunosce da tutti!
Peppe  

 

Pìttela cu’ lia! Sa capisciona, basta che descure, basta che urla senza pia’ fiatu.

Calche giornu, se me pìa el mattu fattu be’, je fagu recurdà el giornu ch’è nata!

Bicetta   E ba’, e nun ve ce mettete ‘ncora ‘ó! Fate el bonu! Fatelu pe’ l’anema cara dei morti nostri!
Peppe   Essà, se parlu, sbaju; se stagu zzittu so’ un giualè. Ma tantu cumannu iu: mettétejelu ‘nte la testa! [4] (Spalanca indispettito la finestra, rivolgendosi a chi è sul vicolo) ’Eru gente? ’Ete ‘ntennùtu tutti! Scì?
Nena   Nun me fa sbattizzà [5]. Ardètelu che òmu. Nun te ce mette ‘ncora tu…El nervosu me se porta ‘ia, è ‘na settemana che nun chiudu occhiu !
Peppe   Sa quantu edèra meju se te rmannèa  chiusa  la bocca !
Nena   Anzi me sai de cunfortu !
Peppe   Perché so’ un prete?
Nena

Bicetta

 

 

Zzittu per carità! Ce faghi apposta? Eccheme che moruuuu…!

Basta oh! Ve ne ‘a  ‘ncora de sdurzà? [6] Ve sente tutti ggió pel vigulu. Me ‘ergognu per vo’, me tocca a guardà’ per tera quannu caminu.

Nena   Iu me ‘ergognu! La faccia ‘ppicciata. Quessu, a me, nun me duèa capetà.

E’ grossa, troppa  grossa. E chi ce mette ‘na fiécca? [7] Tutte cu’ me, nun pole èsse!

E cume fagu ? Nun so ‘n du sbatte la testa. Perché propiu a me? Nun hu fattu mai del male a gnisciù. Perché propiu a me ?

Peppe   Perché tu sai più bella? Prima fenisci a fa’ la caccia, prima se tròa el drittu. Recordete, che l’agnellu mansuetu  poccia da dô pegure…[8]
Nena   Aho, peguràru! Nun me cimentà per carità. El core me scoppia! Nun te fagu mancu cumpasció? Cuscì se responne ? Tu sarìsci mi’ maritu?… Bellu propiu!

Ce casca el monnu addossu e tu cuscì descuri?

Bicetta   E baaaaaaaa!! Nun c’ète gnente da fa’? Nun duèi preparà le togne [9] cun zi’ Ntò? (Alla finestra gli fa cenno di andare via)
Peppe   Scì, ma però, prima mettu a postu le coffe e le rèste sotta la grotta [10], eppò, per despèttu, agu in cantina. Hi ‘ntesu mameta che ‘ruganza? La senti cume ‘ntizza scì? È meju che me  fagu ‘na brisculetta e un truccu cun Ggiggiu e Pasquà’, almancu el cervellu me se reposa e sbullìsciu la ragia ! Ve dagu solu ‘nnùggia eru?…[11](Indispettito, canta verso la moglie) “Velenoooo…se mi guardi ti butto dal trenooo…”
Nena   Massè, sporcu el triu de la bona morte! Ce canti pure! O ciucchettoni!…[12] De la fameja nun te ffrega gnè. Quessi ènne i pensieri tua! Cu’ te dirà sa testa matta? E n’era meju se me facéu moneca de clausura !
Peppe   (Fermo sull’arco della porta di casa, per metà aperta) Ooooh, quessa l’hi ditta giusta! Intantu prega, perché sai sempre in tempu, prima che te pia el malcadutu! Drentu casa quannu che c’è unu che capisce, basta per tutti! Cun te, l’aucatu Sabbatini se mette a sede e a Budini je faghi un baffu…[13]. Senza capisciu la cummare Nena! Lia fa sempre el giustu! (Si allontana e con timbro di voce più marcato e ironico ) Lia ‘ole seccà el maru cu ‘na cunchetta! Bella propiu! Cume no? Ahó, sveltona…‘allu a di’ a Francé, el maschiu tua, s’hi fattu el giustu ?

 

Foto Marchetti

Foto Marchetti

(le note al testo sono di Lino Palanca, le foto di Fabio Marchetti)

[1]              Mi sono dovuta mettere la maschera, cioè vergognarmi di me stessa.

[2]              Cantilena

[3]              Per quando sarai in fin di vita, in modo da poterla prolungare un po’.

[4]              Mettétejelu = ha valore di seconda persona plurale (voi mettetevelo in testa).

[5]              Sbattizzà = andare in collera e non comportarsi né parlare come un cristiano, appunto da “sbattezzato”.

[6]              Sdurzà = scherzare; cfr. il maceratese lurzà, stesso significato.

[7]              Chi ci porrà riparo?

[8]              Chi agisce con mansuetudine ottiene maggior risultato.

[9]              Togne = attrezzi per catturare gli sgombri.

[10]             Ceste e corde per la pesca.

[11]             Dare fastidio, impiccio.

[12]             Che ama, bere, farsi un cicchetto; un cognome da burla affibbiato dalla moglie al marito per richiamarlo a              trattare la questione con maggiore consapevolezza.

[13]             Avvocati di grossa notorietà nel territorio. Il secondo, portorecanatese (Emilio), è stato anche consigliere comunale prima del ventennio fascista.

1 commento a Dialetto in pillole – 38 El vìgulu, atto I, scena I – nel vicolo

  • luigi

    El Vigulu di Pina Zaccari, uno spaccato di vita reale, la vita inevitabilmente “condivisa” del “vigulu”, della Porto Recanati delle “casette basse”. “Un teatro all’aperto” come dice appunto la nota a commento di Lino Palanca. Negli anni 50, quelli della mia infanzia, “el vigulu” viveva ancora e testimoniava quanto accadeva nelle tante “case” di Nena. Ho ricordi indelebili di una vita d’altri tempi, dei chiacchiericci delle malelengue, delle cagnare buttate in piazza, che l’opera di Pina ha fotografato con grande sensibilità.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>