newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Amministrative Porto Recanati. La Politica della Trasparenza

Avete mai sentito parlare di Issuu?  Issuu è una piattaforma online che consente di leggere nel browser libri e riviste completamente gratis.  Ovviamente  questi contenuti sono fruibili esclusivamente online, quindi  in tempo reale in qualsiasi luogo si sia connessi.

Foto da internet

Foto da internet

E’ questa la novità proposta dal  gruppo di Uniti per Porto Recanati che hanno pubblicato il programma elettorale in formato digitale sui social attraverso il sito di Issuu.com

Trasparenza e fruibilità, valori che speriamo siano patrimonio di tutte le liste che si contenderanno l’amministrazione di Porto Recanati

“La Politica della Trasparenza e dei Dati Aperti”

Il tema di un  confronto tra le varie liste in campo sul tema della trasparenza amministrativa   si annuncia molto interessante, e speriamo  utile.

Il tema dei “dati aperti” diventa elemento cruciale nel panorama politico e pubblico, locale ,nazionale e internazionale, dove si sta affermando un movimento per l’accesso ai dati pubblici in formato aperto, noto appunto come “open data”.

Gli “open data” hanno ottenuto negli ultimi anni molte vittorie, la più rilevante in seguito all’elezione di Barack Obama alla presidenza degli Stati Uniti. Uno dei primi provvedimenti del neo presidente è stata infatti la Open government directive, che ha ingiunto la pubblicazione su internet di tutti i dati pubblici delle amministrazioni governative. Seguendo il modello statunitense vari Paesi hanno avviato procedure simili: Inghilterra, Australia, Canada.

In Italia ci si è mossi nella proverbiale confusione e tentativi di deviare le finalità del progetto. Ma una consapevolezza dal basso sicuramente facilità la presa di coscienza della cosiddetta società civile.

Particolare attenzione dovrà essere  sarà dedicata allo istituzione  dell’anagrafe pubblica dei rappresentanti dei cittadini, alla questione della trasparenza dei bilanci degli enti locali e al valore economico dei dati pubblici.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>