bacheca social

Un proiettore per Cinelinguaggi

Le donazioni raccolte attraverso la campagna #unproiettorepercinelinguaggi andranno a sostenere il progetto Cinelinguaggi per l'anno 2019. Una raccolta fondi finalizzata all'acquisto di apparecchiature adeguate all'iniziativa: un proiettore digitale con impianto audio. Ti chiediamo di prendere in considerazione l'idea di donare 5, 20, 50 euro o quello che puoi, per sostenere il nostro progetto. Puoi aiutarci donando un contributo volontario tramite carta di credito o PayPal. Per effettuare una donazione online, basta avere una carta di credito Visa, MasterCard, Postepay, American Express, Carta Aura, Maestro, Cirrus, ecc. Basta un click. Clicca sul tasto Donazione e segui le istruzioni. Dona ora!

FAI UNA DONAZIONE





TALK – CONVERSAZIONI LETTERARIE PER AUTORI INDIPENDENTI

Sanità, maxi inchiesta appalti truccati Nel mirino indagini Gdf vertici sanità marchigiana

Ansa

Il Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Ancona ha eseguito nei giorni scorsi 20 perquisizioni nella prosecuzione d’inchiesta sull’appalto quinquennale del 2009, da 12,5 milioni di euro, per realizzare il Centro servizi unificato a Fabriano (Ancona). Lo conferma la Procura di Ancona che, dopo aver portato in dibattimento per una presunta turbativa d’asta la fase ‘genetica’ dell’appalto affidato alla Medilife spa di Roma, sta approfondendo gli accertamenti sulla fase esecutiva. In questo filone sono indagate nove persone, tra cui Piero Ciccarelli, ex dg Asur ora dirigente servizio Sanità della Regione, Alberto Carelli, ex direttore amministrativo Asur, e Massimiliano Picardi, gestore della Medilife spa. Due gli obiettivi principali: comprendere se l’appalto venne sovradimensionato per ricavare provviste e se funzionari pubblici ne abbiano tratto vantaggi personali. Ma il sospetto degli inquirenti è che una serie di appalti pubblici della sanità delle Marche sia stata pilotata negli anni in cambio di vantaggi personali. Associazione per delinquere, abuso d’ufficio, truffa e frode, sono le ipotesi di reato contestate a Ciccarelli, Carelli e Picardi. Sono indagati, tra gli altri, per abuso d’ufficio, Giulietta Ca

(ANSA) - ANCONA, 4 GIU - Sanità: Ospedali Riuniti di Ancona, corridoi e personale medico.

(ANSA) – ANCONA, 4 GIU – Sanità: Ospedali Riuniti di Ancona, corridoi e personale medico.

pocasa (ex direttore amministrativo Asur), Alberto Lanari (direttore di esecuzione contratto) e, per truffa e frode, anche Roberto Dotti (per la fase esecutiva dell’appalto per il Centro servizi unificato) così come Lanari e gli altri tre inquisiti principali.
“Il mio assistito è sicuro che la magistratura non potrà che riconoscere la più assoluta correttezza del suo operato”. Così l’avv. Gianfranco Formica chiarisce la posizione di Ciccarelli. “Solo dal decreto di perquisizione dei giorni scorsi – seguita l’avvocato – il dott. Ciccarelli ha appreso dell’ipotesi accusatoria, peraltro abbondantemente amplificata sulla stampa, mossa nei confronti suoi e di altri dalla Procura di Ancona. La Medilife Spa, il cui gestore è sospettato essere stato in combutta col mio assistito, è risultata aggiudicataria di un solo appalto con l’Asur, nel 2009. Il dott. Ciccarelli è stato nominato direttore generale di detta azienda solo nel maggio 2010. In vigenza di detto incarico – osserva il legale – nessun altro appalto è stato mai aggiudicato alla Medilife dall’Asur.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>