bacheca social

Un proiettore per Cinelinguaggi

Le donazioni raccolte attraverso la campagna #unproiettorepercinelinguaggi andranno a sostenere il progetto Cinelinguaggi per l'anno 2019. Una raccolta fondi finalizzata all'acquisto di apparecchiature adeguate all'iniziativa: un proiettore digitale con impianto audio. Ti chiediamo di prendere in considerazione l'idea di donare 5, 20, 50 euro o quello che puoi, per sostenere il nostro progetto. Puoi aiutarci donando un contributo volontario tramite carta di credito o PayPal. Per effettuare una donazione online, basta avere una carta di credito Visa, MasterCard, Postepay, American Express, Carta Aura, Maestro, Cirrus, ecc. Basta un click. Clicca sul tasto Donazione e segui le istruzioni. Dona ora!

FAI UNA DONAZIONE





VERSUS OFF “LA VOCE DELL’UOMO” TRIBUTO A ENDRIGO

Referendum. Renzi e Napolitano per l’astensione. I referendum dal 1974 a oggi: sempre meno al voto, a rischio il quorum

#IoVotoSì

#IoVotoSì

di Agnese Ananasso – da Repubblica

Massima affluenza nella prima consultazione che confermò la legge sul divorzio. Poi l’unico altro picco nel 1993 per decidere sul finanziamento pubblico ai partiti, l’anno dopo lo scandalo Mani Pulite

I referendum dal 1974 a oggi: sempre meno al votoIl referendum abrogativo, a differenza di quello costituzionale, è valido soltanto se si raggiunge il quorum, cioè se votano almeno il 50 per cento più uno degli aventi diritto. Il primo referendum abrogativo in Italia, quello sul divorzio, si svolse nel 1974 e, vincendo il no, confermò la legge. L’affluenza fu altissima, la più alta nella storia della nostra Repubblica: l’87,7% degli aventi diritto si recò alle urne. Da allora è via via diminuita, mantenendosi molto alta nelle prime consultazioni (finanziamento pubblico ai partiti, 1978, 81%) e calando sempre di più, arrivando al 1997: da quell’anno non si è più raggiunto il quorum. Tranne che nel 2011, quando i cittadini sono stati chiamati a votare per la gestione pubblica del settore idrico. In questo caso andò a votare il 54% degli aventi diritto e la norma che affidava ai privati la gestione dell’acqua pubblica venne abrogata.

Il primo referendum che non raggiunse il numero sufficiente di voti fu quello sulla caccia e l’agricoltura del 1990, richiesto da Radicali. Nel 1993 è stata registrata un’inversione di tendenza nella discesa libera dell’affluenza, con un picco del 77%, quando gli italiani sono stati chiamati a votare per l’abrogazione sulla legge del finanziamento pubblico ai partiti. L’anno prima era scoppiato lo scandalo di Mani Pulite. La successiva consultazione (1995) sulla privatizzazione della Rai è stata l’ultima in cui si è raggiunto il quorum, eccezion fatta per il 2011.

Un’ultima curiosità: fino al 1993 si è sempre votato su due giornate, dal ’93 al 2000 solo su un giorno, poi di nuovo su due. Per la consultazione di domenica prossima sulle trivelle si tornerà a una sola data.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>