newsletter

  • The Blitz Read: Tom Brady, Aaron Rodgers comebacks highlight wild Week 3 25/09/2017
    The Blitz Read: Tom Brady, Aaron Rodgers comebacks highlight wild Week 3  Sporting NewsGame-Winning Catch Has Brandin Cooks 'Thankful' to be a New England Patriot  Sports IllustratedCooks, Brady connection takes another step with game-winning play  Comcast SportsNet New EnglandBattered Patriots keep winning, Texans bemoan late collapse  FOXSports.comWhy 2017 means a lot of Work for Tom Brady  isportsweb.com (blog)Full coverage
  • Jaguars' Blake Bortles: Tosses four touchdowns 25/09/2017
    Jaguars' Blake Bortles: Tosses four touchdowns  CBSSports.comBears lock arms, Steelers remain inside for national anthem amid President Trump's comments  WLS-TVSunday's Best: The NFL Takes Over Wembley  NFL.comFull coverage
  • Dwyane Wade, Bulls Reach Contract Buyout After 1 Season in Chicago 25/09/2017
    Dwyane Wade, Bulls Reach Contract Buyout After 1 Season in Chicago  Bleacher ReportDwyane Wade gets buyout from Bulls and may be headed to Cavaliers  Washington PostDwyane Wade, Bulls agree on contract buyout, according to report  SB NationDwyane Wade confirms buyout agreement with Bulls, unsure of his next move  Chicago TribuneReport: Chicago Bulls and Dwyane Wade reach agreement on buyout  NBCSports.comFull […]
  • United Seahawks determined to correct rough start to season 25/09/2017
    United Seahawks determined to correct rough start to season  NFL.comTitans look like a contender after pushing Seahawks around  ESPN (blog)Seahawks' Defense Struggled Against Titans, Giving Up Too Many Big Plays  Sports IllustratedSeahawks GameCenter: Live updates, highlights as Seattle faces big road test at Tennessee  Seattle TimesFull coverage
  • Redskins Gameday: Washington dominates Oakland in 27-10 win; players, Snyder link arms 25/09/2017
    Redskins Gameday: Washington dominates Oakland in 27-10 win; players, Snyder link arms  Washington PostKirk Cousins proves worth in Redskins' win over Raiders  ESPN (blog)Cousins, Thompson lead Redskins' romp over Raiders  NFL.comRaiders vs. Redskins: Live Updates, Score and Highlights for Sunday Night Football  Bleacher Report (blog)Full coverage
  • New version of health-care bill will help Alaska and Maine — home of two holdout senators 25/09/2017
    New version of health-care bill will help Alaska and Maine — home of two holdout senators  Washington PostGraham, Cassidy revise Obamacare repeal bill, appealing to holdouts  PoliticoGOP changes Graham-Cassidy bill to win over wary senators  The HillFull coverage
  • 'Star Trek Discovery' EPs Alex Kurtzman & Akiva Goldsman On “Burnham's Dilemma” & Michelle Yeoh Shocker 25/09/2017
    'Star Trek Discovery' EPs Alex Kurtzman & Akiva Goldsman On “Burnham's Dilemma” & Michelle Yeoh Shocker  DeadlineEXCLUSIVE: 'Star Trek: Discovery's' Doug Jones on Premiere Cliffhanger and How It Affects the Future  Entertainment TonightReview: 'Star Trek: Discovery' hits bumps but starts to find its flight path  USA TODAYStar Trek: Discovery producer explains those first two episodes  EW.com (blog)Star Trek: Discovery […]
  • Kushner Used Personal Email Account for Government Business 25/09/2017
    Kushner Used Personal Email Account for Government Business  New York TimesAttorney: Kushner used private email account to talk to WH officials  CNNJared Kushner Has Been Using A Private Email Account In His Role At The White House  NewsweekKushner used private email account for some White House business  Washington PostFull coverage
  • What NFL players, coaches are saying about Week 3 protests 25/09/2017
    What NFL players, coaches are saying about Week 3 protests  ESPNPlayers discuss why they took action during anthem  NFL.comNFL protests grow after Trump's remarks  SFGateTrump's rhetoric forces NFL teams to take stand as owners, players unite  USA TODAYNFL Week 3 live: Trump continues criticism of NFL after a day of player protests  Los Angeles TimesFull coverage
  • Behind the 'boring' German election are four deeply disturbing trends 25/09/2017
    Behind the 'boring' German election are four deeply disturbing trends  Washington PostGermany's jubilant far-right has Merkel in its sights  ReutersGerman Voters Shake Up the Elites  National ReviewIn Germany, a Victory for Angela Merkel and Populism  New York TimesGerman election results: AfD enters parliament with record-high 12.6% as Merkel's alliance gets 33% Live updates  RTFull coverage
  • Australians' support of gay marriage weakens in new poll 25/09/2017
    Australians' support of gay marriage weakens in new poll  Fox NewsTaking sides: sport organisations and the same-sex debate  The Conversation AUCelebs react to 'Vote Yes' text: 'I didn't send it but I sure am going to feel the repercussions'  9TheFIXControversy over ugly same-sex marriage campaign, as it emerges surveys being sent to dead people  NEWS.com.auPolitical correctness is closing Australian […]
  • Bills give Broncos first loss in 26-16 win 25/09/2017
    Bills give Broncos first loss in 26-16 win  FOXSports.comJim Kelly on anthem: I hope Bills will instead stand, lock arms  ESPN (blog)Top 3 things we learned from Bills-Broncos  BuffaloBills.comFull coverage
  • New Order Indefinitely Bars Almost All Travel From Seven Countries 25/09/2017
    New Order Indefinitely Bars Almost All Travel From Seven Countries  New York TimesTrump Administration Revises Travel Ban To Expand Beyond Muslim-Majority Countries  NPRTrump's Revised Travel Ban Opens New Stage in Legal Fight  BloombergTrump replaces travel ban with new restrictions  Fox NewsTrump administration announces new travel ban: “The tougher, the better'  Atlanta Journal ConstitutionFull coverage
  • Milo Yiannopoulos Finally Spoke at Berkeley. But the Protesters Were Louder 25/09/2017
    Milo Yiannopoulos Finally Spoke at Berkeley. But the Protesters Were Louder  TIMEMilo Yiannopoulos confronted by dozens of counter-protesters during brief appearance on UC Berkeley campus  Los Angeles TimesMilo Yiannopoulos holds brief rally after canceled Free Speech Week  USA TODAYFull coverage
  • Giants undone by self-made setbacks in loss to Eagles 25/09/2017
    Giants undone by self-made setbacks in loss to Eagles  NFL.comReport: Darren Sproles has broken arm  NBCSports.comEagles' RB Darren Sproles suffers broken arm vs. Giants, report says  NJ.com'Hopefully it's not a one-week thing': Malcom Jenkins on what happens now  ESPNEagles', NFL protests are the most American anthem of all | David Murphy  Philly.comFull coverage

Referendum. Italicum, due firme per bloccare la legge con un referendum. Contro la dittatura del partito unico (che ha pochi voti)

Stefano Rodotà

Stefano Rodotà

Tra i promotori dei due quesiti per abrogare “Camera dei nominati” e “premier-padrone” ci sono Rodotà, Villone, Grandi e Manderino. Con la nuova legge del governo Renzi, dicono, “viene reintrodotto nel nostro Paese un sistema di governo basato sul partito unico. Il meccanismo congegnato è destinato a produrre – soprattutto attraverso il ballottaggio – una fortissima distorsione fra la volontà espressa dai cittadini e i seggi conseguiti dalle singole forze politiche”

Pubblichiamo il documento che i promotori del “Comitato contro l’Italicum per la democrazia” lanciano in occasione della partenza della raccolta firme per il referendum contrario alla legge elettorale del 6 maggio 2015 n.52

di Stefano Rodotà, Massimo Villone, Alfiero Grandi e Silvia Manderino

Adesso che la riforma elettorale (Italicum) è stata trasformata in legge (L. 6 maggio 2015 n. 52) il discorso sul sistema elettorale del nostro Paese non è chiuso. Per l’Italicum si è voluto procedere a tappe forzate, ricorrendo addirittura alla fiducia, come avvenne nel 1953 per la legge truffa, evidentemente per nascondere sotto l’asfalto del decisionismo governativo le scorie tossiche (per la democrazia) del nuovo sistema ed evitare ogni reale dibattito. E tuttavia, proprio com’è accaduto per il Porcellum, è l’insostenibilità costituzionale e politica del nuovo sistema che rende necessario riaprire il dibattito per far emergere le storture che devono essere corrette. La legge elettorale, lungi dal rappresentare un’asettica tecnica di selezione della rappresentanza, è il principale strumento attraverso il quale si realizza un ordinamento rappresentativo e viene data concreta attuazione al principio supremo posto dall’art. 1 della Costituzione che statuisce: “La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”. Orbene la Corte costituzionale, con una pronuncia storica è intervenuta nel campo del diritto elettorale, riconoscendo che anche questo terreno squisitamente politico deve essere coerente con i principi costituzionali e con diritti politici del cittadino. È da qui che bisogna partire per giudicare la sostenibilità del nuovo sistema elettorale.

La Corte costituzionale con la sentenza 1/2014 ha dichiarato incostituzionali due istituti della legge Calderoli:

  1. Le liste bloccate, riconoscendo ai cittadini elettori il diritto di scegliersi i propri rappresentanti esprimendo (almeno) una preferenza
  2. Il meccanismo che attribuiva alla minoranza “vincente” un premio di maggioranza senza soglia minima.

La Corte non ha contestato di per sé qualsiasi meccanismo correttivo dei voti espressi attraverso un premio di maggioranza, ma ha dichiarato costituzionalmente intollerabile che possa essere attribuito un premio di maggioranza “senza soglia” perché l’effetto sarebbe quello di produrre una distorsione enorme fra la volontà espressa dagli elettori e il risultato in seggi, determinando un vulnus intollerabile all’eguaglianza del voto e al principio stesso della sovranità popolare. Nessun sistema elettorale è in grado di assicurare una perfetta corrispondenza fra i voti espressi e i seggi conseguiti da ciascuna forza politica che partecipa all’agone elettorale. Questo però non consente di buttare a mare il principio espresso dall’art. 48 della Costituzione secondo cui il voto è libero e uguale, diretta conseguenza del principio di eguaglianza e di partecipazione espresso dall’art. 3.

La legge Calderoli aveva istituzionalizzato la diseguaglianza dei cittadini italiani nel voto, attraverso il meccanismo previsto dall’art. 83 che prevedeva la formazione di un “quoziente di maggioranza” e di un “quoziente di minoranza”. Nelle elezioni del 2013 il quoziente di maggioranza è stato di circa 29mila voti, mentre quello di minoranza è stato superiore a 81mila voti (cioè per eleggere un deputato nei partiti “premiati” sono stati sufficienti 29mila voti popolari, mentre per eleggere un deputato per tutti gli altri partiti sono occorsi più di 81mila voti popolari). Il rapporto fra i due quozienti è stato di 2,66. Basti pensare che il Pd con 8.646.457 voti (25,42%) ha ottenuto 292 seggi (pari al 47%) mentre il Movimento 5 stelle con 8.704.969 (25,56%) ha ottenuto 102 seggi (pari al 16,5%). La Consulta ha dichiarato incostituzionale il Porcellum proprio per evitare il ripetersi di una simile insostenibile distorsione fra la volontà espressa dal popolo italiano ed i risultati in termini di composizione della Camera rappresentativa. Orbene l’Italicum finge di adeguarsi alle prescrizioni della Corte sia per quanto riguarda le liste bloccate, sia per quanto riguarda il premio di maggioranza, ma in realtà si sbarazza dei paletti che la Consulta ha posto alla discrezionalità del legislatore, riesumando una versione peggiorata del Porcellum.

L’Italicum apparentemente abbandona il sistema delle liste bloccate (in cui i deputati sono eletti in base all’ordine di lista, senza che l’elettore possa mettervi becco), rendendo bloccati “soltanto” i capilista, mentre gli altri deputati vengono eletti sulla base delle preferenze. Però c’è un trucco. Vengono creati 100 collegi di dimensioni variabili da tre a sei seggi. Poiché difficilmente un partito elegge, in collegi così ridotti, più di un deputato, ecco che buona parte dei deputati non saranno scelti dagli elettori con il voto di preferenza ma saranno direttamente “nominati” dai capi dei partiti. Ma ancor maggiore è lo scostamento dalle prescrizioni della Consulta in tema di premio di maggioranza. Anche in questo versante l’Italicum finge di adeguarsi perché introduce una soglia minima al premio di maggioranza (40%), con ciò legittimando, peraltro, un premio di maggioranza notevolissimo (il 15%, pari a circa 90 seggi), equivalente a quello stabilito dalla legge truffa. Nella realtà quest’adeguamento viene rinnegato con un trucco. Alle elezioni del 1953, la coalizione governativa non raggiunse per pochi voti la soglia minima (50%) e il premio di maggioranza non scattò. Per evitare questo rischio il legislatore moderno ha risolto il problema, rendendo la soglia minima rimuovibile, attraverso l’istituto del ballottaggio su base nazionale fra le due liste che abbiano ottenuto il maggior numero di voti.

In questo modo l’Italicum non solo non abolisce il meccanismo del premio di maggioranza senza soglia censurato dalla Corte costituzionale, ma addirittura lo esalta perché attribuisce il premio a una unica lista, anziché alle coalizioni. È questo l’aspetto più preoccupante della nuova legge elettorale. L’Italicum smantella ogni possibile coalizione perché attribuisce il premio di maggioranza a una sola lista. Per legge viene attribuita la maggioranza politica e la guida del governo a un solo partito, a prescindere dalla volontà del popolo sovrano. In questo modo viene reintrodotto nel nostro Paese un sistema di governo basato sul partito unico. Per rendersi conto della gravità di questa svolta, basti pensare che dal 24 aprile del 1944 (secondo governo Badoglio) ad oggi si sono sempre e solo succeduti governi di coalizione, o quantomeno sostenuti da una maggioranza di coalizione, mentre un governo del partito unico in Italia è esistito soltanto nel ventennio fascista. Fu proprio la legge elettorale dell’epoca (legge Acerbo) che consentì l’avvento di un partito unico al governo, attribuendo nelle elezioni del 1924 una maggioranza garantita al “listone”. Poiché il sistema politico italiano non è bipolare, né tantomeno bipartitico il meccanismo elettorale congegnato è destinato a produrre naturalmente – soprattutto attraverso il ballottaggio – una fortissima distorsione fra la volontà espressa dal corpo elettorale e i seggi conseguiti dalle singole forze politiche, istituzionalizzando la diseguaglianza dei cittadini nell’esercizio del diritto di voto.

Le due simulazioni che seguono rendono più chiari gli effetti perversi di questo sistema. Distribuzione diseguale dei seggi e diseguaglianza dei cittadini nel voto con l’Italicum.

Simulazione I
Si prenda una platea di 30.000.000 di voti.
Concorrono alla distribuzione dei seggi, avendo superato la soglia di sbarramento del 3%, n. 5 partiti.
Nessuno dei partiti concorrenti riesce a superare la soglia del 40% per cui si rende necessario il ballottaggio.
A seguito del ballottaggio l’ufficio centrale nazionale determina il quoziente di maggioranza e quello di minoranza e procede alla distribuzione dei seggi come raffigurato in tabella.
N.B. Il voto del cittadino di maggioranza vale 3,67 volte in più del voto del cittadino di “minoranza”

Simulazione II
Si prenda una platea di 30.000.000 di voti.
Concorrono alla distribuzione dei seggi, avendo superato la soglia di sbarramento del 3%, n. 5 partiti.
Nessuno dei partiti concorrenti riesce a superare la soglia del 40% per cui si rende necessario il ballottaggio che vince la lista seconda classificata al primo turno. A seguito del ballottaggio l’ufficio centrale nazionale determina il quoziente di maggioranza e quello di minoranza e procede alla distribuzione dei seggi come raffigurato in tabella.
N.B. il voto del cittadino di maggioranza vale 4,01 volte in più del voto del cittadino di “minoranza”

Queste semplici considerazioni dimostrano che l’Italicum è una legge insostenibile poiché aggredisce i fondamenti della democrazia repubblicana e ferisce uno dei principi che non può essere oggetto di revisione costituzionale: quello dell’eguaglianza dei cittadini. L’aspetto più preoccupante dell’Italicum è che attraverso questo percorso di manipolazione della rappresentanza viene cambiata profondamente la forma di governo e squilibrata ogni forma di contrappeso istituzionale poiché un solo partito – per legge – avrà in mano le chiavi del governo e della maggioranza parlamentare. Senza mediare con nessuno, potrà determinare l’elezione del presidente della Repubblica e attraverso di lui influire sulla composizione della Corte costituzionale, neutralizzandone la funzione di controllo. L’Italicum è una minaccia per la democrazia. Questa minaccia può essere disinnescata soltanto attraverso i due referendum abrogativi proposti dal Comitato per il No all’Italicum.

da Il Fatto Quotidiano del 9 aprile 2016

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>