newsletter

  • HTC will have another flagship phone, even after billion-dollar deal with Google 21/09/2017
    HTC will have another flagship phone, even after billion-dollar deal with Google  The VergeGoogle Buys HTC Talent for $1.1 Billion to Spur Devices Push  BloombergGoogle to acquire HTC's Pixel smartphone division in $1.1 billion deal  ReutersGoogle Paid HTC $1.1 Billion To Turn Itself Into a Phone Maker  WIREDGoogle Is Close to Buying HTC Assets to Bolster Hardware  BloombergFull coverage
  • Pakistani PM Shahid Khaqan Abbasi seeks implementation of UNSC resolution on Kashmir 21/09/2017
    Pakistani PM Shahid Khaqan Abbasi seeks implementation of UNSC resolution on Kashmir  Economic TimesText Bulletin 0800 Hours  Radio Pakistan (press release)US: Pakistan Defends Itself on the World Stage  STRATFORFull coverage
  • Ventriloquist Darci Lynne Farmer, 12, Breaks into Sobs as She's Crowned Champion of America's Got Talent 21/09/2017
    Ventriloquist Darci Lynne Farmer, 12, Breaks into Sobs as She's Crowned Champion of America's Got Talent  PEOPLE.com'America's Got Talent' Finale Recap: [SPOILER] Wins Season 12  Hollywood Life'America's Got Talent' 2017 finale winner revealed  Fox NewsAmerica's Got Talent: Ventriloquist Darci Lynne Farmer voices two puppets in epic final performance  MetroFull coverage
  • Hack of SEC Corporate Filing System May Have Led to Illicit Trading Profits 21/09/2017
    Hack of SEC Corporate Filing System May Have Led to Illicit Trading Profits  BloombergSEC reveals 2016 hack that breached its filing system  ABC NewsSEC Says Cybercriminals Hacked Its Files, May Have Used Secret Data For Trading  NPRFull coverage
  • Puerto Rico entirely without power as Hurricane Maria hammers island with devastating force 21/09/2017
    Puerto Rico entirely without power as Hurricane Maria hammers island with devastating force  Washington PostHurricane Maria hammers Puerto Rico, leaves island without electricity; residents vow to rebuild after devastation  New York Daily NewsWhat it's like to ride out Hurricane Maria, the worst storm to hit Puerto Rico in nearly 100 years  USA TODAYHurricane Maria Live Updates: Puerto Rico […]
  • Why Mexico Is So Prone to Strong Earthquakes 21/09/2017
    Why Mexico Is So Prone to Strong Earthquakes  New York TimesWhy Mexico is at the epicenter of the month's most prominent natural disasters  Washington PostMexico earthquake: Race to find survivors under collapsed school  BBC NewsDíaz: Mexico earthquake victims need your prayers - and your donations  AZCentral.comMexico Earthquake: More Than 200 Dead as Buildings Collapse  NBCNews.comFull coverage
  • MSNBC's Lawrence O'Donnell Apologizes for Leaked Tirade 21/09/2017
    MSNBC's Lawrence O'Donnell Apologizes for Leaked Tirade  VarietyLawrence O'Donnell Sorry For Leaked Video Of Off-Air Rants  DeadlineMSNBC Footage Leaked Showing Frustrated Lawrence O'Donnell On-Set  Hollywood ReporterLawrence: Watch MSNBC's Lawrence O'Donnell's Unhinged Outtakes for Eight Crazy Minutes 'Lawrence'  YouTubeFull coverage
  • Young fan taken from Yankees game to hospital after being hit by foul ball 20/09/2017
    Young fan taken from Yankees game to hospital after being hit by foul ball  ESPNYankee Victory Becomes Footnote After Girl Is Struck by Line Drive  New York TimesYoung girl hospitalized by 105 mph foul during Yankees-Twins game  Chicago TribuneHow many more near-misses at Yankee Stadium until nets are extended?  USA TODAYFull coverage
  • California again steps up to Trump, this time to stop the border wall 20/09/2017
    California again steps up to Trump, this time to stop the border wall  Los Angeles TimesTrump border wall lawsuit filed by California  CBS NewsOnPolitics Today: GOP lawmakers go silent on funding Trump's wall  USA TODAYOur View: Donald Trump's border wall isn't a solution. It's a slogan  AZCentral.comCalifornia to sue Trump administration over plan for US-Mexico border wall  Los Angeles TimesFull […]
  • Someone Made a Fake Equifax Site. Then Equifax Linked to It. 20/09/2017
    Someone Made a Fake Equifax Site. Then Equifax Linked to It.  New York TimesAfter Equifax breach, company sent victims to wrong site for weeks: report  CBS NewsEquifax sends breach victims to fake support site  CNETFull coverage
  • Confident Fed Sets Stage for December Rate Increase 20/09/2017
    Confident Fed Sets Stage for December Rate Increase  New York TimesDollar shines, Asia shares slip after Fed signals December rate hike  ReutersYellen Brushes Aside Inflation 'Mystery' While Fed Eyes Rate Hike  BloombergFull coverage
  • Florida Suspends License of Nursing Home Tied to Eight Deaths 20/09/2017
    Florida Suspends License of Nursing Home Tied to Eight Deaths  Wall Street Journal (subscription)The inexplicable horror of the deaths of eight elderly people in Florida  Washington PostFull coverage
  • Manafort offered to give Russian billionaire 'private briefings' on 2016 campaign 20/09/2017
    Manafort offered to give Russian billionaire 'private briefings' on 2016 campaign  Washington PostDuring Trump's Campaign, Paul Manafort Offered to Privately Brief a Russian Billionaire Friend of Putin's  TIMELewandowski: Manafort should go to jail for the rest of his life if he colluded  The HillTrump Praises Africa for Making “So Many Friends” Rich  Vanity FairSurveillance of Paul Manafort occurred during […]
  • Palestinian leader, at General Assembly, calls on 'duty-bound' UN to end Israeli occupation 20/09/2017
    Palestinian leader, at General Assembly, calls on 'duty-bound' UN to end Israeli occupation  UN News CentreFull coverage
  • Here's why you should pay attention to this weekend's German election 20/09/2017
    Here's why you should pay attention to this weekend's German election  Washington PostRussia looks to German election for sway in Europe  The HillMerkel Pushes to Mobilize Vote After Big Parties Cede Ground  BloombergGermany's left braced for election postmortem before polls even open  Irish TimesFull coverage

Porto Recanati. La politica della ruspa. Crisi del centrodestra.

Riportiamo nella sua interezza una  interessante analisi fatta dal Blog l’Argano sulla questione delle alleanze politiche nello schieramento di centrodestra a Porto Recanati. L’analisi del noto blogger confermano un mutato scenario della politica locale e  degli attori che ne determinano le scelte  è soprattutto  dell’influenza che la politica nazionale sta impattando nella società porto recanatese.

Infatti il gioco di scacchi che si sta giocando nello schieramento di centrodestra ha una chiara strategia dettata dalle scelte fatte dai partiti e movimenti nazionali in un orizzonte che guarda all’Europa.

Corriere Adriatico

Corriere Adriatico

I MATRIMONI CHE NON S’AVEVANO DA FARE…

tratto dal blog L’argano (link per leggere gli interessanti commenti )

C’è stata una sottovalutazione evidente dalle parti dell’UDC del fenomeno Lega-FDI e del risultato ottenuto alle scorse elezioni regionali. E pensare che bastava analizzare quel voto per capire che proprio i due partiti più destrorsi di quella coalizione non potevano limitarsi a recitare la parte di quelli che stanno nell’angolino e raccolgono le briciole in caso di vittoria.

Salvini, scrivevo ieri, a Porto Recanati ci è venuto tre volte negli ultimi 11 mesi. E io mi chiedo a quale altro paese di 12 mila anime del centro Italia Salvini abbia dedicato una tale spasmodica attenzione. La risposta è semplice: nessun altro.

La Lega è portatrice di voti. Ha un elettorato fortemente populista e  chiaramente ideologizzato,. Votano Lega molti giovani.  Piaccia o no.

E come movimento fortemente ideologizzato, basta il marchio per passare all’incasso.

Le preferenze sono un optional. Perchè l’elettorato leghista c’è, ma non si vede. E’ numeroso, ma non è identificabile. Paradossalmente.

I leghisti del centro Italia questo lo sanno. E non si accontentano ovviamente di far parte di una coalizione che rischiava di eleggere, così come era strutturata, 7 uomini dell’UDC e chiaramente riferibili alle persone di Mozzicafreddo e Ubaldi. Perchè quelli, di leghista, non hanno nulla. E i leghisti non li rappresentano. Normale dunque, dal loro punto di vista, alzare la posta prima che il gioco inizi. Chiedere garanzie. Ricevere assicurazioni tangibili. Tali da poter mostrare al Salvini che fa la sua quarta visita a Porto Recanati, un risultato vero. Sotto forma di uomini e politiche leghiste.

La sottovalutazione dell’UDC, della Ubaldi e di Mozzicafreddo è stata tutta in questi termini. Aver cioè pensato che con un biscottino, il cane famelico si sarebbe messo a cuccia in un angolo.

E ora sono cazzi, come direbbe qualcuno che non ha studiato ad Oxford. Già, perchè è già uscito il cartellone elettorale di Mozzicafreddo Sindaco. E porta la scritta “Lista Civica – Centro Destra”.

Cosa rimarrà di destra, non è dato sapere. Ma prima di ufficializzare candidati e mandare in stampa cartelli elettorali, bisognava chiarirsi.

Ora, il rischio di una figuraccia, è alle porte. E a 9 giorni dalla presentazione delle liste e dei programmi e dall’autenticazione delle stesse liste con almeno 100 firme, molti, in un senso o nell’altro, rimarranno sul ciglio della strada con le gomme bucate.

Rosalba Ubaldi si è imbarcata in una avventura che presentava più rischi di un Safari condotto senza armi in pugno. In modo sprovveduto si è fatta coinvolgere in un qualcosa che pensava di poter gestire a tarallucci e vino. Quel vino è diventato aceto. Non si beve più.

Di contro, una analisi su Paolini e sulla Lega Nord bisogna farla. Nel comunicati rilasciati via Facebook Paolini scrive che se Mozzicafreddo, la Ubaldi e l’Udc non dovessero accettare la sua offerta (10 candidati tra Lega e FDI e la Ubaldi fuori dai giochi) candideranno a sindaco Elena Leonardi. Aggiungendo che uno dei motivi per cui vogliono la Ubaldi fuori scaturisce dal fatto che sul Burchio ha agito male, di fretta ed è stata “bastonata” dal Consiglio di Stato.

Bene, qualcuno dica a Paolini che la stessa Elena Leonardi, che lui vorrebbe candidata sindaco, ha votato per ben tre volte in Consiglio Comunale a favore della variante del Burchio, in totale fedeltà alla stessa Ubaldi.

La coerenza, insomma, non abita in mezzo ai leghisti….

In tutta questa situazione non vorrei ora trovarmi nei panni di Mozzicafreddo. Gli ci mancava pure il Corriere Adriatico di oggi che paventa un ritorno di fiamma tra UDC e PD.

Perchè si, questa triste telenovela potrebbe virare nel patetico. E per Mozzicafreddo non ci sarebbero solo i cartelli da rifare (togliendo il “destra” dalla dizione “centro destra” della sua lista). No, lo costringerebbero a giocarsi la faccia. E il suo buon nome.

A tal proposito risulta interessante l’analisi fatta dal giornalista Valerio Renzi nel  libro:

la-politica-della-ruspa-alegre

la-politica-della-ruspa-alegre

La politica della ruspa La Lega di Salvini e le nuove destre europee

Il declino politico di Berlusconi ha aperto scenari nuovi per la destra italiana che Matteo Salvini sembra aver colto al volo. Sotto la sua guida la Lega ha cambiato pelle, marginalizzando le non più spendibili rivendicazioni regionaliste ed egemonizzando il centrodestra con un populismo fortemente caratterizzato dai temi dell’identità e sovranità nazionale. Lo storytelling di Salvini è ridotto all’osso: pochi fronzoli per una comunicazione nuda e cruda, concetti chiari e ripetuti ossessivamente. Le vittime siamo noi non loro, spiega agli elettori parlando dei migranti. Il punto del resto non è la realtà o meno dei fatti, ma il successo della loro rappresentazione.

Slogan come “prima gli italiani” o “aiutiamoli a casa loro” hanno però una genealogia precisa nello sviluppo del pensiero di estrema destra in Europa, che negli anni ha aggiornato vecchie ideologie impresentabili e dato voce a nuovi teorici, tra cui l’ispiratore della nouvelle droite Alain de Benoist e Aleksandr Dugin, il filosofo vicino a Putin. L’ascesa della “nuova” Lega si inserisce infatti nel più generale affermarsi delle destre populiste nel vecchio continente: da Alba Dorata in Grecia all’Ukip di Farage in Gran Bretagna, dalle formazioni xenofobe dei paesi scandinavi all’Ungheria di Viktor Orbàn. Storie diverse ma che condividono molte parole d’ordine e narrazioni.

Questo libro inquadra l’ascesa di Salvini nel più complessivo fenomeno delle nuove destre europee, fornendo una cassetta degli attrezzi per smontare la ruspa e vedere come girano le rotelle degli ingranaggi.

Se ne va in giro su e giù per l’Italia su una ruspa, a volte è vera a volte solo metaforica. Con il suo Caterpillar il leader leghista Matteo Salvini vuole abbattere i campi rom, spianare i centri d’accoglienza, spazzare via il governo Renzi e l’euro. Qualcosa non va? E allora ruspa! Tabula rasa, e chi se ne importa delle macerie. […] Nel serbatoio della sua ruspa Salvini può mettere tutto il risentimento sociale in circolazione, ben miscelato con le paure di chi vede il proprio mondo crollare e il futuro sempre più incerto.

Tutto questo fa da carburante per la macchina leghista, mentre dal tubo di scappamento escono i gas tossici della microfisica dell’odio.

Autore:

Valerio Renzi, giornalista e attivista. Da anni scrive di destre radicali in Italia e in Europa. Redattore di dinamopress.it, ha collaborato con il manifesto, l’Unità, Europa, Pubblico e il settimanale Carta. Attualmente lavora alla cronaca romana per il sito di informazione Fanpage.

Appendice critica (MicroMega)

Da partito etnoregionalista e federalista a forza classicamente di destra e nazionale. Matteo Salvini è l’artefice della svolta leghista. Un libro ricostruisce tale metamorfosi associandola all’idea di un nuovo centrodestra in perfetta sintonia con il vento populista e xenofobo che soffia in Europa.

Il 25 aprile sarà in piazza. Non per festeggiare la Liberazione. Anzi. La sua rabbia si rivolge contro il governo, la tecnocrazia europea e la puzza di socialismo reale (sic!) nel Paese: “La Lega è estremamente preoccupata per il clima in cui versa l’Italia. Renzi sta instaurando un regime staliniano: il Parlamento è comprato, la magistratura schierata e la tv pubblica militarmente occupata. A me l’aria che puzza di Unione Sovietica non piace”. Matteo Salvini ama stare sempre al centro del dibattito politico e quale occasione migliore per chiamare a raccolta il 25 Aprile “gli italiani che non vogliono vivere da schiavi”?

E’ il nuovo ciclo del Carroccio: un partito classicamente di destra e nazionale. Dal verde etnoregionalista al nero dei gruppi neofascisti. Un lontano ricordo la Lega federalista, il celodurismo di Umberto Bossi, le lauree in Albania di suo figlio, i fondi illeciti in Africa, la guerra al Meridione e a “Roma Ladrona”.

Salvini, l’uomo della svolta, ha avuto la capacità di risvegliare il cadavere e ricollocarlo sullo scenario politico costruendo una Lega 2.0 mutata geneticamente: un partito di lotta anti-crisi che cavalca il malcontento sociale con toni populisti, beceri e xenofobi. Parla alla pancia del Paese. Salvini twitta e utilizza i social come un uomo qualunque. Aizza il gentismo. Fomenta paure – spesso inventando notizie e numeri – su immigrazione e sicurezza, rafforzando la discrasia tra percezione e realtà.

Ed ecco le campagne sempre più feroci contro l’immigrazione, banche, fisco, euro, burocrazie finanziarie e in difesa dei “diritti sociali degli italiani”, della “famiglia tradizionale” e della “identità cristiana”.

“La politica della ruspa” di Valerio Renzi (Alegre edizioni, 156pp) ricostruisce attentamente tale processo, la metamorfosi leghista e le ideologie del cosiddetto fascioleghismo. Una lettura importante per capire lo sviluppo delle destre xenofobe in Europa. “La ruspa – si legge nell’introduzione – è la metafora della politica di Salvini: radicale e semplice da comprendere, una macchina fieramente populista e popolana. Una retorica irragionevole e spesso irrazionale, politicamente scorretta: prima spianare poi discutere”.

La ruspa, in prima battuta, è stata utilizzata contro gli ex vertici del Carroccio sostituiti da un nuovo “cerchio magico”. Spesso il cambiamento è solo di facciata come dimostra il recente scandalo sulla Sanità in Lombardia dove è coinvolto il braccio destro di Bobo Maroni. Nel Carroccio sono rimasti in ruoli chiave figure compromesse col potere mentre, tra le new entry, si palesano vecchi trombati, riciclati e camicie nere.

L’asse con Casa Pound è ormai consolidato: prima la manifestazione congiunta a Milano del 18 ottobre 2014 per la sospensione di Schengen, il ripristino delle frontiere e contro “l’eurocrazia”, poi il sostegno alle scorse Europee del candidato Mario Borghezio – il quale una volta eletto ha scelto come assistenti due noti “fascisti del Terzo Millennio” – infine il ticket elettorale con la nascita del marchio Sovranità. Camerati che fungono da serbatoio militante, soprattutto al Centro e al Sud, funzionale a far divenire la Lega un partito nazionale e radicato sui territori.

Simone Di Stefano, leader di Casa Pound, così commentava su facebook la recente scomparsa di Umberto Eco: “È morto uno che firmava appelli alla lotta armata per il comunismo, uno che affermava tranquillamente l’inferiorità culturale degli elettori di destra proponendo una loro rieducazione stile gulag sovietici per intenderci. Ciao Umberto, prova a fare lo spocchioso con Caronte stanotte”.

Presentabili o impresentabili, alla Lega salviniana poco importa. In comune hanno le battaglie contro l’“invasione” dei migranti e il motto “prima gli italiani”, ciò è sufficiente.

Valerio Renzi, nel libro, descrive il fascioleghismo definendolo non solo un’alleanza elettorale ma un dispositivo politico in cui agiscono attori differenti: “Prima il dibattito pubblico del Paese viene spostato sui temi cari al Carroccio con una martellante campagna su sicurezza, rom e centri d’accoglienza; poi si raccolgono i frutti dei problemi che scoppiano su territori, fomentati ed esacerbati dalle forze dell’estrema destra; infine gli attori istituzionali passano all’incasso legittimando dall’alto quello che apparentemente è scoppiato dal basso”. Si spiegherebbero così i disordini nelle periferie di Roma (Tor Sapienza o Casale San Nicola) dove ad essere e coinvolti, e indagati dalla magistratura, sono sempre militanti dell’estrema destra. In tal senso, illuminante è la lettura di un altro libro Al palo della morte, sempre edito da Alegre, di Giuliano Santoro che partendo dall’omicidio a Tor Pignattara di Shahzad – giovane pakistano ucciso nell’estate 2014 – ricostruisce i pogrom razzisti nelle periferie, nella città di Mafia Capitale, speculazioni e disservizi.

Oltre al fascioleghismo, Salvini sta dando una nuova vita al centrodestra italiano. Una doppia, e congiunta, metamorfosi. Il Carroccio 2.0 scommette sul futuro lanciando un progetto ricompositivo nel panorama della destra italiana, segnata dal declino berlusconiano. Un nuovo volto al centrodestra, con l’asse che si sposta fortemente a destra. In una recente intervista sul Corriere della Sera è lo stesso Salvini ad enunciare i suoi obiettivi, esprimendo dubbi sulla candidatura di Guido Bertolaso a Roma:

“Credo che il centrodestra come lo conosciamo sia destinato a cambiare molto presto. Cambieranno tante cose nei prossimi mesi. Metà degli italiani oggi sta a casa, alla finestra, schifata o delusa. Si aspetta un cambiamento vero nei nomi, nei progetti e nel modo di fare. Io, non starò di certo fermo a guardare”.

Nel lontano 1993 – quando nella Capitale si sfidarono al ballottaggio da sindaco Francesco Rutelli e Gianfranco Fini, allora leader del MSI e non ancora ripulito (siamo prima della svolta di Fiuggi) – il Cavaliere dichiarando “se stessi a Roma voterei Fini” inaugurava una nuova fase della politica italiana, la nascita di un governo che univa ex socialisti, ex democristiani con leghisti e camicie nere. Guido Caldiron, esperto di neofascismo, ha definito tale fenomeno come destra plurale, ovvero “uno spazio di senso comune alle destre fondato su nodi tematici quali l’identità, regionale o nazionale, l’immigrazione e la famiglia e la cosiddetta questione sicurezza. La destra plurale non amalgama forzatamente le differenze esistenti all’interno del fenomeno osservato ma le sottopone a una lettura comune senza barriere interpretative che hanno ormai sempre meno senso”.

Se Berlusconi aveva sdoganato i neofascisti, Salvini li legittima. E in Europa, il nuovo centrodestra si sposta dal Partito Popolare ad un’alleanza col gruppo ENL di Marine Le Pen. Negli ultimi anni, in Europa, si è assistito infatti allo sviluppo di potenti movimenti euroscettici che prendendo completamente le distanze dal repertorio neofascista hanno saputo costruire un vocabolario politico dell’intolleranza e del pregiudizio che è stato accettato dalla società. Un nuovo razzismo – che si traveste da difesa della democrazia e dalla minaccia islamica o da protezione del welfare per gli autoctoni contro i costi dell’immigrazione – ha imposto nei fatti una vera e propria normalizzazione di idee che in realtà si basano sull’odio e il disprezzo dell’altro.

A fine gennaio una tappa fondamentale per la costruzione del percorso leghista con la convention “Più liberi, più forti, un’altra Europa è possibile”, un meeting – tenutosi all’auditorium della Fiera di Milano – per ufficializzare le alleanze del Carroccio con le altre forze europee protagoniste della svolta populista in chiave xenofoba: il Front National, il Pvv dell’olandese Geert Wilders, l’FPÖ austriaco e il Vlaams Belang belga. Un blocco degli euroscettici che si pone come l’altra faccia della medaglia della Troika e delle sue politiche di austerity. Il continuo prevalere delle dottrine rigoriste alimenta, di certo, le pulsioni nazionaliste tanto che la Lega vorrebbe manifestare il 23 giugno, giorno del referendum in Gran Bretagna nella speranza vinca la Brexit. Lo scontro non è più, come un tempo, tra federalismo e nazionalismo ma tra mondialismo versus neosovranismo.

Nell’ultimo capitolo, Valerio Renzi ricorda la deriva rosso-bruna della Lega capace di stringere alleanze solo apparentemente diverse: da Marine Le Pen a Vladimir Putin. Le bandiere della Russia sono una presenza fissa sui palchi delle manifestazioni del Carroccio. Alexander Dugin, uno degli ideologi di Putin e tra le voci più gettonate nelle destre europee, ha parole di elogio per il Carroccio: “L’unico politico che può rappresentare gli interessi reali degli italiani è Salvini, la stella emergente che sostiene il nuovo polo di dialogo con la Russia e la compensazione di questa mancanza di democrazia sostanziale incarnata da Renzi”. Matteo vs Matteo. Austerity vs populismo xenofobo. Nella speranza di una terza via, magari a partire dal prossimo 25 aprile.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>