newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Porto Recanati. E.Medi Giornata mondiale del libro

image017

GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO E DEL DIRITTO D’AUTORE ALL’I.C. “E. MEDI”

Sabato 23 aprile, in occasione della Giornata mondiale del libro, nelle classi dell’Istituto “E. Medi” sono entrati testi provenienti dall’Africa, dall’America del Sud, dall’Asia, dall’Europa occidentale, letti in lingua aramaica-tigrina, spagnola, urdu, cirillica, albanese: alcune delle lingue d’origine delle famiglie dei numerosi alunni stranieri della scuola. Sono stati interpretati brani della poetessa eritrea contemporanea Ribka Sibhatu; del poeta, scrittore, giornalista argentino Josè Hernandez, vissuto in pieno Ottocento; del poeta pakistano vivente Zahid Fakri; del narratore bulgaro Elin Pelin, nato nell’ Ottocento e deceduto nel Novecento; del poeta e scrittore albanese Naim Frasheri, morto all’inizio del Novecento;  della giovanissima poetessa contemporanea albanese Gentjana Uckamaj. Le letture sono state offerte da mamme e zie dei ragazzi dell’Istituto. I temi trattati hanno riguardato la nostalgia, l’amore, la sofferenza del distacco, l’adolescenza, la fratellanza universale, la solidarietà, la pigrizia. La poesia è stato il genere maggiormente proposto, ma non è mancata la narrazione, nella fattispecie una fiaba, che ha ricalcato per molti aspetti situazioni della classica Cenerentola, ma avente al centro della storia un protagonista maschile. Le ospiti hanno portato nelle classi testi scritti a mano, poesie stampate rintracciate in internet, libri in lingua madre e per la traduzione sono state coadiuvate dai loro figli.

Dietro alla scelta dei brani c’erano le storie personali delle ospiti: la storia del libro di fiabe arrivato direttamente dalla Bulgaria, con cui la nonna e la mamma intrattenevano, prima di addormentarlo, il loro piccolo, un alunno italiano ormai dodicenne, nella speranza che familiarizzasse con i suoni e i significati delle lingua materna;; il libro di poesie Enderr mbi Trondafi (“Sogni sopra una rosa”), in cui la giovane sorella di una delle ospiti albanesi ha raccolto versi composti tra i dieci e i diciotto anni; la storia del diario-agenda arrivato dal Pakistan nel quale Afsirhat (il cui nome significa “colei che espande felicità”) trascriveva poesie copiandole da libri, riviste, giornali per accompagnare la sua vita nei periodi più dolorosi. Con grande commozione Afsirhat ha letto una bellissima lirica sulla lontananza a cui ricorreva nella ricerca di conforto quando il suo giovane marito quattordici anni fa la lasciò per cercare fortuna in Italia. Accanto a lei in aula c’era suo figlio Zararr, il quale traduceva per tutti i presenti la poesia che sentiva per la prima volta con i suoi compagni italiani e che ha scoperto, grazie all’occasione di queste letture, l’esistenza del diario di poesie composto dalla mamma in Pakistan fin dapprima che lui nascesse.

Prezioso è stato il supporto delle mamme italiane rappresentanti di classe, che si sono occupate di incoraggiare e coordinare la partecipazione, di documentare l’attività, di realizzare PowerPoint di presentazione che fornissero informazioni sui luoghi, sugli autori, sugli alfabeti.

 

 

 

 

 

Gli alunni e la preside traducono i testi

 

 

 

 

image011 image017 image005 image007 image003 image015 image013

 

 

 

 

 

1 commento a Porto Recanati. E.Medi Giornata mondiale del libro

  • Emma

    Para quem não tem condições de fazer um intercâmbio, seja por motivos financeiros ou por falta de tempo, mas quer ou precisa aprender a falar inglês, uma ótima dica é fazer aulas por skype com os professores da Preply: https://preply.com/pt/skype/professores–ingl%C3%AAs. Todos são nativos no idioma e aptos a ensinar. A plataforma faz o intermédio entre aluno e professor, garantindo uma transação segura e profissional.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>