newsletter

  • Milo Yiannopolous plans to hold his own free-speech forum at UC Berkeley today 24/09/2017
    Milo Yiannopolous plans to hold his own free-speech forum at UC Berkeley today  Los Angeles TimesFree Speech Week' at UC Berkeley Canceled, Milo Yiannopoulos Blames School  NBCNews.comFree Speech Week at Berkeley Is Canceled, but Milo Yiannopoulos Still Plans to Talk  New York TimesMasked protesters' earlier riot led to Free Speech Week, organizers say  San Francisco ChronicleBerkeley Patriot files civil […]
  • White House 'Planning' on Health Care Vote This Week 24/09/2017
    White House 'Planning' on Health Care Vote This Week  NBCNews.comSusan Collins Says It's 'Very Difficult' to Imagine Supporting Graham-Cassidy  New York MagazineFull coverage
  • Pittsburgh Penguins announce they have accepted invitation to attend White House 24/09/2017
    Pittsburgh Penguins announce they have accepted invitation to attend White House  Washington PostPittsburgh Penguins accept invite to visit White House to celebrate Stanley Cup  USA TODAYPenguins accept invitation to visit White House  New York PostBacklash as Trump Slams NFL Players' Protests, NBA's Stephen Curry  NBCNews.comGelzinis: Heedless screed to a keyed-up crowd lands out of bounds to all but the […]
  • AP Was There: Paratroops with bayonets escort Little Rock 9 24/09/2017
    AP Was There: Paratroops with bayonets escort Little Rock 9  San Francisco ChronicleSegregation lingers in US schools 60 years after Little Rock  Fox NewsFull coverage
  • Steelers plan to stay in locker room during national anthem 24/09/2017
    Steelers plan to stay in locker room during national anthem  NFL.com'We're not going to play politics': Steelers' Mike Tomlin says team won't take the field for anthem  Washington PostSteelers will remain in locker room for national anthem in Chicago, Mike Tomlin says  Sporting NewsBears issue statement on President Trump's comments; Steelers to remain in locker room during anthem  Chicago […]
  • US kills 17 ISIS militants in Libya airstrike 24/09/2017
    US kills 17 ISIS militants in Libya airstrike  Washington ExaminerUS Kills 17 IS Militants in Libya  Voice of AmericaFull coverage
  • Ravens, Jags kneel, lock arms during national anthem 24/09/2017
    Ravens, Jags kneel, lock arms during national anthem  ESPNRavens at Jaguars in London: How to watch and stream on NFL Sunday, picks  CBSSports.comAs Trump continues his attacks, NFL players protest by kneeling or locking arms  Los Angeles TimesNFL players kneel during national anthem following further Trump tweets  Washington PostBaltimore Ravens vs. Jacksonville Jaguars LIVE SCORE UPDATES and STATS (9/24/17) […]
  • Hurricane Maria deals Puerto Rico's fragile economy a new blow 24/09/2017
    Hurricane Maria deals Puerto Rico's fragile economy a new blow  Business InsiderSummery sunshine, near-record warmth likely Sunday  WFMZ AllentownFull coverage
  • Trump Could Win Even if he Loses in Alabama 24/09/2017
    Trump Could Win Even if he Loses in Alabama  NBCNews.comTrump Wades Deeper Into Alabama Primary At Campaign Rally — With Some Hesitation  WBURWhite House: No Defeat for Trump if Strange Loses in Alabama  U.S. News & World ReportYou think Donald Trump is bad? You ain't seen nothing yet  The IndependentFull coverage
  • German Chancellor Merkel on track for 4th term as far right set to enter Parliament, projections show 24/09/2017
    German Chancellor Merkel on track for 4th term as far right set to enter Parliament, projections show  Washington PostMerkel Seeks Fourth Term as Germans Vote in Federal Election  BloombergGermans warned against apathy as Merkel heads for fourth term  ReutersGerman elections 2017: Angela Merkel wins fourth term but AfD makes gains, exit poll says – live updates  The GuardianLike Trump, […]
  • Pakistan shows Gaza war victim's photo as face of Indian atrocities at UNGA; draws flak 24/09/2017
    Pakistan shows Gaza war victim's photo as face of Indian atrocities at UNGA; draws flak  FirstpostPakistani diplomat Maleeha Lodhi shows wrong photo of pellet victim at UN  SAMAA TV News PakistanDeveloped world must help less fortunate ones on climate change: Sushma Swaraj  Economic TimesFull coverage
  • Recalling a Tortured Past, Iraqi Kurds to Vote on Independence 24/09/2017
    Recalling a Tortured Past, Iraqi Kurds to Vote on Independence  New York TimesIran halts flights to Iraq's Kurdish region in retaliation for independence vote  ReutersKurdish president says partnership with Iraq is over  Washington PostWhy the Kurds seeks a country of their own  gulfnews.comFull coverage
  • Stevie Wonder takes both knees 'for America' after Trump NFL remarks 24/09/2017
    Stevie Wonder takes both knees 'for America' after Trump NFL remarks  CNNWatch Stevie Wonder Take Knee, Cover Daft Punk With Pharrell at Global Citizen  RollingStone.comStevie Wonder Takes a Knee 'for America' in Solidarity After Trump's Colin Kaepernick Tirade  PEOPLE.comStevie Wonder bends both knees 'for America' during Global Citizen concert  New York Daily NewsKneeling protests spread amid Trump's feud with […]
  • Trump cranks up North Korea threats as Pyongyang holds anti-US rally 24/09/2017
    Trump cranks up North Korea threats as Pyongyang holds anti-US rally  ReutersSyria looks to peace, North Korea to attack on US mainland  Washington PostMnuchin: Trump doesn't want to be in a nuclear war  The HillNorth Korean Minister Says Trump the One on Suicide Mission  BloombergTrump vs. Kim: Political theater or prelude to apocalypse?  Detroit Free PressFull coverage
  • Howe: 5 things to watch in Patriots vs. Texans 24/09/2017
    Howe: 5 things to watch in Patriots vs. Texans  Boston HeraldPackers QB Aaron Rodgers Posts Picture Kneeling With Teammates  Sports IllustratedFull coverage

Identità e coscienza. Armenia: il genocidio che non fa rumore

da Difesa Online

Genocidio armeno

Genocidio armeno

(di Giampiero Venturi)
11/04/16

L’annuncio del viaggio del prossimo giugno di Papa Francesco in Armenia e le notizie dal Nagorno Karabakh portano alla ribalta il Caucaso dopo molti mesi di silenzio.

Benché il programma della Santa Sede in termini diplomatici sia bilanciato dalla tappa prevista per settembre in Azerbaijan, è indiscutibile che la visita armena sia una scelta forte, da leggere non solo come parte di uno spirito di misericordia interconfessionale, ma anche come una riflessione a sé sulle atroci persecuzioni subite dai cristiani.

Alla luce della guerra strisciante fra Erevan e Baku, il viaggio nel Caucaso sposta le lancette della polemica in particolare verso la Turchia, ormai da tempi sotto i riflettori della politica internazionale.

Il protagonismo politico di Ankara nel quadrante eurasiatico è un dato di tutta evidenza: impantanata in Siria, coinvolta in Libia, attrice di un rinnovato scontro strategico con la Russia, chiave di volta dei flussi migratori verso l’Europa… la Turchia è indiscutibilmente al centro dell’agenda geopolitica globale.

Molto abbiamo discusso su questa rubrica delle traslazioni turche verso l’Islam radicale della Turchia, con buona pace della laicità, fulcro della nazione voluta da Ataturk. Molto si discute anche delle derive autoritarie di Erdogan, tanto preoccupanti in sede di diritto quanto facili da dimenticare nei programmi NATO e sulla strada dell’avvicinamento all’Unione Europea.

Per capire la cilindrata del motore con cui si muove la Turchia, in realtà bisogna attraversarla. È per definizione un Paese monolitico e più uguale a se stesso di quanto già la forma rigida non suggerisca. Il suo stesso assetto di Stato centralizzato e piramidale offre un’immagine di elefante grosso e lento ma proprio per questo obbligato ad essere stabile. Alla faccia delle tendenze secondo cui i federalismi sono automatica fonte di libertà, la Turchia si presenta come blocco unico fisicamente ancorato all’Egeo e all’Asia, ma ideologicamente immobile sui suoi principi fondanti.

Pochi Paesi al mondo sono legati al concetto d’identità come la Turchia. Ma se l’identità di un popolo è tanto più chiara quanto sono più forti i valori intorno a cui si riconosce, non è da escludere che perfino una negazione possa essere un valore.

Basterebbe citare il vocabolario turco, secondo cui i Curdi sono “Turchi delle montagne” o camminare per i vicoli di Kyrenia a Cipro Nord, dove il rifiuto del Sud greco è un assioma irremovibile che dura da 40 anni; nulla tuttavia ci aiuta a capire il significato ontologico del “sentirsi turchi”, più della Questione Armena.

Rimossa dalla coscienza collettiva turca senza troppi fronzoli è rimasta sepolta anche nella soffitta del perbenismo universale, al punto da essere fino a ieri praticamente ignorata da tutti.

Poco più grande della Sicilia, l’Armenia fece parlare di sé con le parole di Papa Francesco in occasione del centenario del genocidio del 1915, perfezionamento di una mattanza iniziata venti anni prima. Nonostante più di 1 milione di morti per fame, stenti ed esecuzioni sommarie, il mondo ha continuato a girare la testa per un secolo. L’evento si commemora ogni 24 aprile ma lo sanno solo gli armeni. Tra qualche giorno i giornali ne parleranno ancora, giusto il tempo di calendarizzare la velina dietro altre impellenze.

Non entriamo nella cronaca storica. Benché l’idea sia ancora attuale, l’Impero Ottomano e l’obiettivo di un’Anatolia etnicamente pura sono concetti per ora collaterali. Quel che conta è che uno dei piloni dell’identità turca, al punto da cementificarla e da resistere alla pressione del mondo intero, sia la negazione più assoluta dei fatti.

Genocidio armeno

Genocidio armeno

Di per sé la cosa è curiosa, soprattutto in tempi in cui ammissioni di colpe, outing ideologici ed excusatio non petitasono all’ordine del giorno.

Per la Questione Curda sotto un profilo accademico ci sarebbe al limite l’attenuante della molteplicità delle colpe (il problema è condiviso con Iran, Siria e Iraq) ma continuare a menare il can per l’aia sulla massacro degli armeni oggi sembra più che altro goffo. Soprattutto per un Paese che interseca parabole geopolitiche importanti e che siede nei salotti del jet set internazionale con un ruolo tutt’altro che secondario. Ancora di più se pensiamo che implicazioni strategiche concrete connesse ad una revisione di questo angolo di Storia, probabilmente non ce ne sarebbero.

È un fatto puramente identitario che scavalca il comune sentire e i principi elementari dell’interazione fra popoli. Ciò che viene concesso alla Turchia sotto una visuale storico-politica lascia intendere che anche per i genocidi esista la serie A e la serie B e che la mattanza armena, sacrificata sull’altare di equilibri strategici più grossi, sia obbligata a rimanere nella serie cadetta.

L’Armenia, primo Paese al mondo ad introdurre il Cristianesimo di Stato e che si arroga il merito di averlo sempre difeso, è un luogo meraviglioso, porta d’Oriente che trasuda Storia. Una Storia che gronda sangue e che non lascia spazio ad altre interpretazioni. Conosciuto o meno, il suo dramma è una cicatrice reale che per interessi ed egoismi continua ad indurirsi tra le ingiustizie dell’umanità.

I turchi, gran popolo, potrebbero fare molto in questo senso, almeno fin quando Europa e America non smetteranno di guardare altrove.

Se l’irritazione dell’alleato turco è stato finora uno spauracchio più pericoloso del vilipendio di un piccolo popolo caucasico, non è detto però che le cose non cambino. Il 24 aprile passerà con ogni certezza senza clamore: il ritorno di un Pontefice 15 anni dopo l’omaggio di Papa Giovanni Paolo II, sicuramente no.

(Foto: autore/web)

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>