newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

I grandi successi del governo Draghi

da Phastidio

Nel 2015 l’indebitamento netto della pubblica amministrazione ha raggiunto gli obiettivi fissati dal governo Renzi, con un deficit-Pil al 2,6% dal 3% del 2014. Non si registrava un deficit così contenuto dal lontano anno 2000, con l’unica eccezione del 2007, come Matteo Renzi non perde occasione di ricordarci. Tuttavia, come ricorda Massimo Bordignon sulavoce.info, quello che conta è il modo in cui tale rapporto deficit-Pil è stato conseguito. Che ci indica che qualche problema strutturale è rimasto.

Scrive Bordignon:

«Il 2,6 per cento è infatti la somma algebrica di un avanzo primario che è risultato leggermente minore del previsto (all’1,5 per cento del Pil) e di una spesa per interessi al 4,2 per cento del Pil, anch’essa inferiore alle previsioni di quasi mezzo punto di Pil. È il miracolo delle politiche espansive della Banca centrale europea, in particolare dell’acquisto di debito sovrano deciso nell’ambito delle politiche di Quantitative easing»

Malgrado un debito-Pil che a fine 2015 era al 132,6%,

«[…] l’Italia paga per il servizio del suo debito in termini di Pil quanto pagava nel 1978, cioè prima della crescita esponenziale del debito pubblico negli anni Ottanta»

Ehi, quando c’era la lira, signora mia! Grazie Mario, anche a nome dell’ingrato Matteo.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>