newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Dialetto in pillole. Stornelli

La serenata - foto sito ilsestorigo.it

La serenata – foto sito ilsestorigo.it

La finestra, luogo caro al corteggiamento amoroso, non poteva mancare a svolgere un ruolo da protagonista anche in molti stornelli. Uno dei più conosciuti è quello che segue, in dialetto portorecanatese.

 

Me ‘ffàcciu a la fenestra e ‘éggu el maru,

tutte le barche le ‘éggu ‘riare,

quella de l’amor mia nun vol turnare …

 

Stornello tra i più conosciuti, ho scritto sopra. E non è difficile dimostrarlo.

In uno dei “Canti”, che hanno l’aria di serenate, raccolti da Pierfrancesco Leopardi in una sua pubblicazione del 1848, si legge:

Levati bella, da questa finestra, / levati bella, ch’io voglio passare …

Tutto ciò che è stato toccato dal fratello Giacomo assume valore ben più rilevante com’è nel caso di questo canto popolare riportato nello “Zibaldone di pensieri” (I,43 – 1818):

Facciate a la finestra, Lucciola, / decco che passa lo ragazzo tua, / e porta un canestrello pieno d’ova, / mantato co le pampane de l’uva.

Al fascino della finestra non si sottrasse Giuseppe Gi

Cyrano de Bergerac" de Edmond Rostand : Christian joue par Monsieur Volny, Roxane par Mademoiselle L. Yalme et Cyrano joue par Coquelin. Gravure debut du 20eme siecle ©Lee/Leemage

“Cyrano de Bergerac” de Edmond Rostand : Christian joue par Monsieur Volny, Roxane par Mademoiselle L. Yalme et Cyrano joue par Coquelin. Gravure debut du 20eme siecle ©Lee/Leemage

oacchino Belli, la cui “Serenata” (“Sonetti Romaneschi” n. 1676:

Vièttene a la finestra, o ffaccia bbella, / petto de latte, faccia inzuccherata,

inizia con chiara ispirazione alla serenata in dialetto amatriciano:

Affaccete a la finestra, o faccia bella, / naso de neve, bocca inzuccherata, / ch’io te la vojo fa la serenata, / e te la vojo sonà la ciaramella.

Per tornare alla barca, uno stornello simile al nostro è nei “Canti popolari toscani” di Giuseppe Tigri:

M’affaccio a la finestra e vedo il mare / e tutte le barche le vedo venire, /quella dell’amor mio non vuol passare.

E un altro a Venezia:

Tute le barche riva, / tute le barche riva, / e quela del mio ben no riva mai, / tute le barche mena barche e sòccoli, / ma quela del mio ben mena garofoli.

Di finestre che danno sul mare si è occupato anche Giovanni Pascoli, con un incipit dal sapore di stornello nella poesia “Mare” della raccolta “Myricae”:

M’affaccio alla finestra e vedo il mare: / vanno le stelle, tremolano l’onde …

Per l’estero, rivolto un pensiero reverente ai balconi di Shakespeare (Romeo and Juliet) e Rostand (Cyrano de Bergerac), vale la pena di ricordare il ritornello di una canzone spagnola molto nota:

Quitate, niña, / de ese balcón, / porque si no te quitas, / ramo de flores, / llamaré a la justicia / che te aprisione / con las cadenas / de mis amores …(Togliti cara da quel balcone …)

Sempre in Spagna è stata composta “Accurrùcame” (accarezzami), parole e musica di Francisco Al magro, morto nel 2009, e Antonio Moya: Son mis notas lamentos del alma / suspiros que llegan hasta tu balcón …

 

A volte cantiamo le nostre canzoni popolari con l’idea che si conoscano solo da noi. Invece la loro circolazione è in genere vasta, nella regione e nel Paese, ma anche fuori d’Italia: la lingua francese e la spagnola, avremo modo di parlarne ancora, ce ne forniscono non rari esempi.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>