newsletter

  • Trump moves to get base 'stirred up' with NFL attacks 25/09/2017
    Trump moves to get base 'stirred up' with NFL attacks  Politico'This is what real locker room talk is': The NFL's Joe Lockhart levels a shot at Trump  Washington PostPatriotism is no defense for Trump's attacks on black athletes  The HillDefying Trump, Athletes Intensify Debate on Race and Protest  New York TimesTrump Cheers the NFL Fans Who Booed Players Taking […]
  • Chelsea Manning barred from travel in Canada due to US conviction 25/09/2017
    Chelsea Manning barred from travel in Canada due to US conviction  The HillChelsea Manning Blocked From Entering Canada Because Of Treason Charge  The Daily CallerChelsea Manning Banned from Canada  TownhallFull coverage
  • LeBron James Was Shocked by Kyrie Irving Trade Request, Has No Advice for PG 25/09/2017
    LeBron James Was Shocked by Kyrie Irving Trade Request, Has No Advice for PG  Bleacher ReportCavs expect Isaiah Thomas to return from hip injury by January  USA TODAYIsaiah Thomas injury update: Cavaliers hope newcomer ready by January  Sporting NewsFull coverage
  • Tennessee church shooting suspect charged with murder 25/09/2017
    Tennessee church shooting suspect charged with murder  WLS-TVTrump has time to tweet on patriotism but not on Tennessee shooting  USA TODAYWhat We Know About Alleged Tennessee Church Gunman and the Usher Who Stepped In  NewsweekGunman captured after a deadly shooting at a church in Tennessee  Los Angeles TimesFull coverage
  • Josh Norman eviscerates Michael Crabtree after win: 'Did he even catch two balls?' 25/09/2017
    Josh Norman eviscerates Michael Crabtree after win: 'Did he even catch two balls?'  CBSSports.comFive Takeaways: Redskins-Raiders  Redskins.comFull coverage
  • North Korea says US 'declared war,' warns it could shoot down US bombers 25/09/2017
    North Korea says US 'declared war,' warns it could shoot down US bombers  Reuters'Declaration Of War' Means North Korea Can Shoot Down US Bombers, Minister Says  NPRNorth Korea Says It Has the Right to Shoot Down US Warplanes  New York TimesNorth Korean Foreign Minister Says Trump Has 'Declared War'  NBCNews.comFull coverage
  • Turnout high as Iraqi Kurds defy threats to hold independence vote 25/09/2017
    Turnout high as Iraqi Kurds defy threats to hold independence vote  ReutersKurdish independence vote threatens war against ISIS  USA TODAYKurdistan Supervisors Begin Counting Votes in Independence Referendum  U.S. News & World ReportFull coverage
  • Darren Sproles' season over after dual injuries on same play 25/09/2017
    Darren Sproles' season over after dual injuries on same play  ESPNDarren Sproles Tore ACL, Broke Wrist on Same Play, to Undergo Surgery  Bleacher ReportSproles out with torn ACL and broken wrist  Washington PostDarren Sproles will play one more season before retiring -- in Philly or elsewhere  ESPNFull coverage
  • While Trump Tweeted About Sports All Weekend, Puerto Rico Dealt With 'Apocalyptic' Hurricane Damage 25/09/2017
    While Trump Tweeted About Sports All Weekend, Puerto Rico Dealt With 'Apocalyptic' Hurricane Damage  HuffPostHundreds leave homes near dangerously crumbling Puerto Rico dam  ReutersPuerto Rico economic crisis grows in wake of Maria's human toll  Chicago TribuneOfficials plead for swift aid to Puerto Rico to prevent 'humanitarian crisis'  CNNGeraldo Rivera: Touring Puerto Rico after Hurricane Maria was a 'depressing' experience  Fox […]
  • Steelers' Alejandro Villanueva has highest-selling gear in past 24 hours 25/09/2017
    Steelers' Alejandro Villanueva has highest-selling gear in past 24 hours  ESPNNFL national anthem flap sees Steelers coach Mike Tomlin rap Alejandro Villanueva, while his jersey sales soar  Fox NewsSteelers confused about teammate's public anthem salute  New York PostSteelers' Villanueva Takes a Stand, but Might Agree With Kaepernick's Mission  New York TimesFull coverage
  • Facebook Was Built for This 25/09/2017
    Facebook Was Built for This  Slate MagazineObama warned Zuckerberg on fake news  MashableObama warned Zuckerberg about fake news on Facebook: report  The HillSurprise! Facebook Directors Weren't Villains  BloombergFull coverage
  • Violent crime rates up for 2nd consecutive year 25/09/2017
    Violent crime rates up for 2nd consecutive year  The HillViolence in US rises for second straight year  New York Daily NewsUS violent crimes and murders rose in 2016, the FBI says  BBC NewsAfter decades of decline, the murder rate went up in 2016  VoxFull coverage
  • Kris Jenner Wants to Make Sure Kylie's Pregnancy Doesn't Get in the Way of $420 Million Business: Source 25/09/2017
    Kris Jenner Wants to Make Sure Kylie's Pregnancy Doesn't Get in the Way of $420 Million Business: Source  PEOPLE.comCaitlyn Jenner Confirms Kylie's Pregnant, Says Report  Hollywood LifeThe Shaman Kylie Jenner Pregnancy Theory Will Blow Your Mind  BustleTravis Scott: Hip-Hop's King of Chaos  RollingStone.comCaitlyn Jenner Did NOT Find Out Kylie Is Pregnant Online, Despite Claim  Gossip CopFull coverage
  • Alternative for Germany: Who Are They, and What Do They Want? 25/09/2017
    Alternative for Germany: Who Are They, and What Do They Want?  New York TimesFour graphics that explain how a far-right party won third place in Germany  CNNGerman nationalists seek to allay fears; show cracks at top  seattlepi.comGermany's Nationalists Join the 13-Percent Club  BloombergFull coverage
  • New version of health-care bill will help Alaska and Maine — home of two holdout senators 25/09/2017
    New version of health-care bill will help Alaska and Maine — home of two holdout senators  Washington PostRepublicans brace for failure on Obamacare repeal  PoliticoWhat's different about the revised Graham-Cassidy bill  ABC NewsPoll: Most disapprove of Graham-Cassidy health care bill  CBS NewsMcCain Saves Obamacare Again, Tanks Graham-Cassidy Obamacare Repeal Bill  Breitbart NewsFull coverage

Referendum. Questioni di quorum

Referendum 17 aprile No Trivelle (Next)

Referendum 17 aprile No Trivelle (Next)

Giovanni Drogo (Next)

Quest’anno il popolo italiano sarà chiamato ad esprimersi su due referendum, il primo è quello del 17 aprile sulle trivellazioni al largo delle coste italiane, il secondo invece sarà quello (probabilmente in autunno) sulle modifiche della carta costituzionale introdotte dalla riforma del Senato voluta da Matteo Renzi e dalla Ministro Boschi. Si tratta di due referendum di tipo diverso: il primo, come tutti quelli degli ultimi anni è abrogativo invece il secondo è un referendum costituzionale. Questo significa ad esempio che nel primo caso per dire no alla norma sulle concessioni per le trivellazioni bisogna votare sì, nel secondo caso invece il sì invece approva la riforma del Senato.

Il referendum e i tentativi del governo di affossarlo

Il quesito referendario sul quale gli italiani saranno chiamati a votare il 17 aprile è l’unico superstite dei sei proposti dai consigli regionali di Basilicata, Marche, Puglia, Sardegna, Abruzzo, Veneto, Calabria, Liguria, Campania e Molise. Le richieste delle Regioni e dei comitati riguardavano l’abrogazione dell’articolo 35 del decreto Sviluppo e di alcune parti dell’articolo 38 del decreto «Sblocca Italia». Il Governo però, tramite una norma inserita nella Legge di Stabilità, ha di fatto “disinnescato” cinque dei quesiti presentati dalle Regioni. Poi, per sabotare ulteriormente la riuscita del referendum ed evitare il raggiungimento del quorum, il Governo ha deciso di non accorparlo alle elezioni amministrative di giugno, una sciocchezzuola che costerà tra i 300 e 400 milioni di euro. Certo, si sarebbe potuto accorpare il referendum a quello costituzionale, ma evidentemente il Consiglio dei Ministri ha reputato fosse una ancora più rischiosa dal momento che in quell’occasione non è in gioco il rinnovo dei vertici delle amministrazioni locali ma l’esistenza stessa del Governo (in caso di sconfitta Renzi ha già annunciato che lascerà la politica). Si è scelto inoltre di indicare la data del 17 aprile per mettere in ulteriore difficoltà i sostenitori del sì che in poco più di un mese dovranno riuscire a informare tutti gli italiani dell’esistenza del referendum per poter così sperare di raggiungere il quorum senza il quale tutti gli sforzi saranno stati vani. Il testo del quesito referendario dal titolo “Divieto di attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi in zone di mare entro dodici miglia marine. Esenzione da tale divieto per titolo abilitativi già rilasciati. Abrogazione della previsione che tali titoli hanno la durata della vita utile del giacimento” che chiede l’abrogazione della norma che consente alle società petrolifere che hanno già ottenuto la concessione di continuare la loro attività entro il limite delle 12 miglia marine è il seguente:

Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di Stabilità 2016)”, limitatamente alle seguenti parole: “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale”?

La legge stabilisce il divieto di concedere nuovi permessi per attività di ricerca ed estrazione all’interno del limite delle acque territoriali ma nulla dice riguardo a quelle concessioni che hanno già ottenuto l’autorizzazione e alle piattaforme già operative. Il quesito riguarda quindi la durata delle autorizzazioni già rilasciate a esplorazioni e trivellazioni dei giacimenti entro le 12 miglia dalla costa e cioè che abbiano la “durata della vita utile del giacimento”.

Cosa succede in caso di vittoria del sì

È bene dirlo, una vittoria del sì è improbabile, probabilmente il referendum non sarà in grado di raggiungere il quorum. Ma quali saranno i giacimenti interessati dall’abrogazione della norma? Per la verità non sono molti i giacimenti attivi entro il limite delle acque territoriali, molte delle piattaforme hanno già terminato la loro attività e le zone più interessanti per le compagnie petrolifere sono al momento tutte al di fuori del limite delle acque territoriali. Ci sono però tre importanti siti estrattivi che in caso di vittoria del sì non potranno vedere rinnovate le loro concessioni, si tratta dei siti Guendalina (Eni) nell’Adriatico, Gospo (Edison) davanti alle coste abruzzesi e e Vega (Edison) al largo di Ragusa. Per come è concepita la normativa oggi, al momento della scadenza della concessione le compagnie petrolifere potranno chiedere un rinnovo che potrà essere concesso solo in seguito ad una nuova Valutazione d’Impatto Ambientale. In seguito al parare positivo della VIA allora l’attività potrà riprendere (ed essere potenziata) fino all’esaurimento del giacimento. Se vincesse il sì invece i giacimenti dovranno terminare immediatamente le loro attività e le piattaforme dovranno essere chiuse. In caso di vittoria del no (e di mancato raggiungimento del quorum) le cose rimarrebbero invece così come prevede la normativa attualmente in vigore. Ed è proprio il quorum il problema principale, il Coordinamento nazionale NO Triv ha infatti diffuso nei giorni scorsi un sondaggio SWG secondo il quale la maggioranza degli italiani è propensa a votare sì. O meglio, secondo il quale la maggioranza degli italiani che andrà a votare andrà a votare sì.

Quello che probabilmente non è chiaro è che il quesito referendario non propone di vietare le trivellazioni in mare al largo delle nostre coste ma solo il rinnovo delle concessioni entro il limite delle 12 miglia. Sembrerà una distinzione da poco ma non è così e i proponenti giocano più sull’impatto emotivo dello slogan NO TRIV che fa presupporre la scomparsa delle trivelle dai nostri mari che sulle ricadute reali della vittoria del sì, che non impedirà nuove trivellazioni o prospezioni. Nuove concessioni potranno in ogni caso essere date al di fuori del limite delle acque territoriali (12 miglia sono all’incirca 22 chilometri) e il referendum non va a toccare questa eventualità. E, sostengono i critici, non è nemmeno automatico che il mancato rinnovo delle concessioni (sempre dopo Valutazione d’Impatto Ambientale) e la conseguente cessazione delle attività si traduca in una riduzione dei possibili rischi d’inquinamento. Le piattaforme dovranno infatti essere continuamente sottoposte a manutenzione e costantemente monitorate per evitare che a causa dell’invecchiamento delle strutture si possano danneggiare e provocare l’eventuale fuoriuscita di sostanze inquinanti. Va inoltre fatto notare che già ora le piattaforme vengono controllate dalle Agenzie regionali per la prevenzione e protezione ambientale. Riguardo ai problemi dell’inquinamento delle coste e dei litorali, soprattutto (ma non solo) in certe aree del Sud Italia sarebbe forse più opportuno concentrarsi sulla lotta all’inquinamento dovuto agli scarichi a mare degli impianti fognari delle città, che spesso sono fuori norma quando non addirittura abusivi.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>