newsletter

mercoledìcinemaCinelinguaggi

Nelle tiepide notti d'estate, gli spettatori potranno godersi l'esperienza estiva del cinema seduti comodamente, esplorando il rapporto emozionale tra cinema e musica. Potranno anche, dopo la proiezione, dilungarsi, parlando di cinema degustando del buon vino e ascoltando musica.

11.07 “Jersey Boys” di Clint Eastwood

18.07 “The Rocky Horror Picture Show” di Jim Sharman

25.07 “Tutti per uno” di Richard Lester (il primo film dei Beatles).

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

La Russia è un posto strano

da Il Post

Le fotografie originali, immobili e malinconiche che Frank Herfort ha scattato girando per la Russia

Fairy Tale of Russia è una selezione fotografica dei diversi progetti che il fotografoFrank Herfort ha sviluppato visitando la Russia negli ultimi anni. Nelle foto di Herfort ogni soggetto sembra essere bloccato, o come ha spiegato lui stesso, sembra essere “in un profondo, paralizzante, sonno incantato”.


Nella serie Time in Between – da cui vengono alcune di queste fotografie – Herfort ha fotografato gli spazi chiusi (sale d’attesa, uffici, stazioni) e le persone che li occupano.

Le immagini sono state scattate a Mosca, San Pietroburgo e in altri posti della Russia, dove Herfort ha visto una grande differenza con l’Europa: «Nell’Europa occidentale tutto è così ben definito, così preciso: una sala d’attesa è una sala d’attesa, un ufficio è un ufficio. In Russia, al contrario, le stanze sono aperte all’interpretazione, hanno molti strati. E mi sembra che ci siano più persone sedute in queste stanze, ma a prima vista nessuno di loro sembra sapere cosa stanno facendo lì. Ho cercato di inserire questo tipo di persone nelle mie immagini».

Durante i suoi viaggi Herbert ha chiesto a molte persone di mettersi in posa per lui, ma invece di ritrarle in un modo classico ha cercato di sfruttare l’atmosfera spesso malinconica del luogo in cui si trovavano.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>