newsletter

  • HTC will have another flagship phone, even after billion-dollar deal with Google 21/09/2017
    HTC will have another flagship phone, even after billion-dollar deal with Google  The VergeGoogle Buys HTC Talent for $1.1 Billion to Spur Devices Push  BloombergGoogle to acquire HTC's Pixel smartphone division in $1.1 billion deal  ReutersGoogle Paid HTC $1.1 Billion To Turn Itself Into a Phone Maker  WIREDGoogle Is Close to Buying HTC Assets to Bolster Hardware  BloombergFull coverage
  • Pakistani PM Shahid Khaqan Abbasi seeks implementation of UNSC resolution on Kashmir 21/09/2017
    Pakistani PM Shahid Khaqan Abbasi seeks implementation of UNSC resolution on Kashmir  Economic TimesText Bulletin 0800 Hours  Radio Pakistan (press release)US: Pakistan Defends Itself on the World Stage  STRATFORFull coverage
  • Ventriloquist Darci Lynne Farmer, 12, Breaks into Sobs as She's Crowned Champion of America's Got Talent 21/09/2017
    Ventriloquist Darci Lynne Farmer, 12, Breaks into Sobs as She's Crowned Champion of America's Got Talent  PEOPLE.com'America's Got Talent' Finale Recap: [SPOILER] Wins Season 12  Hollywood Life'America's Got Talent' 2017 finale winner revealed  Fox NewsAmerica's Got Talent: Ventriloquist Darci Lynne Farmer voices two puppets in epic final performance  MetroFull coverage
  • Hack of SEC Corporate Filing System May Have Led to Illicit Trading Profits 21/09/2017
    Hack of SEC Corporate Filing System May Have Led to Illicit Trading Profits  BloombergSEC reveals 2016 hack that breached its filing system  ABC NewsSEC Says Cybercriminals Hacked Its Files, May Have Used Secret Data For Trading  NPRFull coverage
  • Puerto Rico entirely without power as Hurricane Maria hammers island with devastating force 21/09/2017
    Puerto Rico entirely without power as Hurricane Maria hammers island with devastating force  Washington PostHurricane Maria hammers Puerto Rico, leaves island without electricity; residents vow to rebuild after devastation  New York Daily NewsWhat it's like to ride out Hurricane Maria, the worst storm to hit Puerto Rico in nearly 100 years  USA TODAYHurricane Maria Live Updates: Puerto Rico […]
  • Why Mexico Is So Prone to Strong Earthquakes 21/09/2017
    Why Mexico Is So Prone to Strong Earthquakes  New York TimesWhy Mexico is at the epicenter of the month's most prominent natural disasters  Washington PostMexico earthquake: Race to find survivors under collapsed school  BBC NewsDíaz: Mexico earthquake victims need your prayers - and your donations  AZCentral.comMexico Earthquake: More Than 200 Dead as Buildings Collapse  NBCNews.comFull coverage
  • MSNBC's Lawrence O'Donnell Apologizes for Leaked Tirade 21/09/2017
    MSNBC's Lawrence O'Donnell Apologizes for Leaked Tirade  VarietyLawrence O'Donnell Sorry For Leaked Video Of Off-Air Rants  DeadlineMSNBC Footage Leaked Showing Frustrated Lawrence O'Donnell On-Set  Hollywood ReporterLawrence: Watch MSNBC's Lawrence O'Donnell's Unhinged Outtakes for Eight Crazy Minutes 'Lawrence'  YouTubeFull coverage
  • Young fan taken from Yankees game to hospital after being hit by foul ball 20/09/2017
    Young fan taken from Yankees game to hospital after being hit by foul ball  ESPNYankee Victory Becomes Footnote After Girl Is Struck by Line Drive  New York TimesYoung girl hospitalized by 105 mph foul during Yankees-Twins game  Chicago TribuneHow many more near-misses at Yankee Stadium until nets are extended?  USA TODAYFull coverage
  • California again steps up to Trump, this time to stop the border wall 20/09/2017
    California again steps up to Trump, this time to stop the border wall  Los Angeles TimesTrump border wall lawsuit filed by California  CBS NewsOnPolitics Today: GOP lawmakers go silent on funding Trump's wall  USA TODAYOur View: Donald Trump's border wall isn't a solution. It's a slogan  AZCentral.comCalifornia to sue Trump administration over plan for US-Mexico border wall  Los Angeles TimesFull […]
  • Someone Made a Fake Equifax Site. Then Equifax Linked to It. 20/09/2017
    Someone Made a Fake Equifax Site. Then Equifax Linked to It.  New York TimesAfter Equifax breach, company sent victims to wrong site for weeks: report  CBS NewsEquifax sends breach victims to fake support site  CNETFull coverage
  • Confident Fed Sets Stage for December Rate Increase 20/09/2017
    Confident Fed Sets Stage for December Rate Increase  New York TimesDollar shines, Asia shares slip after Fed signals December rate hike  ReutersYellen Brushes Aside Inflation 'Mystery' While Fed Eyes Rate Hike  BloombergFull coverage
  • Florida Suspends License of Nursing Home Tied to Eight Deaths 20/09/2017
    Florida Suspends License of Nursing Home Tied to Eight Deaths  Wall Street Journal (subscription)The inexplicable horror of the deaths of eight elderly people in Florida  Washington PostFull coverage
  • Manafort offered to give Russian billionaire 'private briefings' on 2016 campaign 20/09/2017
    Manafort offered to give Russian billionaire 'private briefings' on 2016 campaign  Washington PostDuring Trump's Campaign, Paul Manafort Offered to Privately Brief a Russian Billionaire Friend of Putin's  TIMELewandowski: Manafort should go to jail for the rest of his life if he colluded  The HillTrump Praises Africa for Making “So Many Friends” Rich  Vanity FairSurveillance of Paul Manafort occurred during […]
  • Palestinian leader, at General Assembly, calls on 'duty-bound' UN to end Israeli occupation 20/09/2017
    Palestinian leader, at General Assembly, calls on 'duty-bound' UN to end Israeli occupation  UN News CentreFull coverage
  • Here's why you should pay attention to this weekend's German election 20/09/2017
    Here's why you should pay attention to this weekend's German election  Washington PostRussia looks to German election for sway in Europe  The HillMerkel Pushes to Mobilize Vote After Big Parties Cede Ground  BloombergGermany's left braced for election postmortem before polls even open  Irish TimesFull coverage

Cinema, “Lo chiamavano Jeeg Robot”… e la memoria corre alle tavole di Ranxerox di Tamburini e Liberatore

Lo chiamavano Jeeg Robot (Micromega)

Lo chiamavano Jeeg Robot (Micromega)

di Giona A. Nazzaro (Micromega)

Entusiasmarsi è bello. Farlo per un film italiano, anche di più. Negli ultimi tempi, infatti, è stato possibile osservare una notevole progressione qualitativa nel nostro cinema. Guidato dall’agguerrito plotone dei cineasti del reale, Di Costanzo, Minervini, Marcello, Parenti e D’Anolfi, Santarelli e Rosi, solo per citare i primi nomi che vengono subito alla mente, il rinnovamento c’è e si sente. Non supportato ancora da un’industria e da una politica che ne ha compreso tutte le implicazioni e novità, ma c’è. Questa vitalità è avvertibile persino in altre articolazioni della produzione italiana. Lo straordinario livello qualitativo di una serie come Gomorra e di un noir sui generis come Suburra, ne sono sintomo evidente. Senza dimenticare lo sberleffo insurrezionale di un film imprendibile come La solita commedia: Inferno di Biggio&Mandelli&Ferro, il cinema di poesia di Stefano Odoardi ancora troppo poco conosciuto e amato in Italia e commedie ambiziose come Loro chi? di Francesco Miccichè e Fabio Bonifacci che si rifanno alla tradizione con intelligenza.

In quadro così ricco di fermenti e movimento, Lo chiamavano Jeeg Robot appare come una supernova. Un film che racchiude in sé tutti i discorsi fatti nei decenni scorsi sul rinnovamento dell’industria, superandoli tutti a sinistra per inventiva, generosità e passione. Il film di Mainetti, infatti, compie un vero e proprio salto quantico nei confronti dei discorsi che vorrebbero indicare la direzione al cinema italiano. Non solo polverizzando residuati ideologici aggrappati alle dichiarazioni di impegno meramente contenutistico ma, soprattutto, cosa forse ancora più importante, pone fine alla retorica del cinema di genere portata pigramente avanti da recuperi e rivalutazioni antistoriche. L’unico precedente possibile di Lo chiamavano Jeeg Robot, infatti, è Zora la vampira, esordio dei fratelli Manetti, forse troppo in anticipo sui tempi, ma straordinariamente lungimirante rispetto alla trasformazione dei codici, delle mitologie e dell’immaginario collettivo.

Il peccato originale dei fautori a oltranza del ritorno del cinema di genere è di essere ancorati sostanzialmente alla propria nostalgia di spettatori e quindi di volerla ritrovare o ricreare in film che inevitabilmente saranno sempre altro. Senza contare che proprio sul finire degli anni Settanta, quando la grande stagione del cinema di genere si stava per chiudere perché incapace di reggere il passo con la trasformazione dell’apparato produttivo statunitense (intuizione molto precisa di Sergio Martino) e la contemporanea emersione della televisione commerciale, l’immaginario collettivo era catalizzato da nuove energie e da mitologie pop più accessibili e flessibili rispetto a quanto si andava tristemente spegnendo nelle sale di provincia e non solo.

Gabriele Mainetti è il primo a rendere conto in forma di cinema di una trasformazione avvenuta sotto gli occhi di tutti noi ma che nessuno prima di lui ha messo in scena con tale verosimiglianza e precisione, questa sì, “documentaria”. Lo chiamavano Jeeg Robot è molto più della somma dei materiali che lo compongono. Il film di Mainetti non solo tira tutte le fila di un sapere diffuso nelle esplose galassie delle passioni nerd, ma compie la straordinaria operazione politica di riorganizzare questi linguaggi e materiali in una mitologia condivisibile e quindi partecipabile. Lo chiamavano Jeeg Robot crea uno nuovo tessuto spettatoriale che inevitabilmente è soprattutto un tessuto sociale. Crea, evoca, un pubblico che prima non c’era offrendogli l’immagine di un mondo che non ha mai visto anche se lo vive da sempre.

Il valore sincretico di Lo chiamavano Jeeg Robot, senza volere insinuare nessuna similitudine o raffronti improbabili fra opere lontanissime fra loro, è pari solo a quanto fatto da Sergio Leone con Per un pugno di dollari. Ossia appropriarsi di una mitologia, renderla italiana, quindi originale, quindi nuova. Se infatti i western di Leone non sono mai stati i western della tradizione, ma il West sognato dalle parti di viale Glorioso, quello di Mainetti non è banalmente un supereroe, ossia imitazione pauperistica di un immaginario high-tech economicamente irraggiungibile, ma l’unico supereroe immaginabile oggi in Italia e in particolare a Roma. L’elaborazione originale di una mitologia condivisa.

Quella di Leone è una mitologia metatestuale, che giunge al western tramite un detour giapponese che rimanda però a una tradizione già italiana (il Goldoni). Lo chiamavano Jeeg Robot, invece, aggrega elementi disparati filtrati attraverso l’autogestione offerta dalle tecnologie domestiche e digitali. Leone ricreava, evocava; Mainetti interviene direttamente nel dna dei suoi materiali prima di riassemblarli. Riformula e rimodula.

Rispetto a un Leone, o a John Woo, entrambi manieristi sublimi, Mainetti non possiede, per sua fortuna, un modello di riferimento forte cui guardare. L’unico elemento politico in grado di tenere uniti i vari filamenti immaginari del suo film, è il territorio urbano di Roma e in particolare le sue periferie. Oltre a un linguaggio che è soprattutto un codice e un sentire. I materiali sui quali lavora Mainetti sono già rielaborati alla base, non giungono intatti nelle sue mani. Sono già lavorati dalla condivisione (partecipazione), in un processo di ri-alfabetizzazione immaginaria e orizzontale che deve tanto ai Colle der Fomento quanto a Totti; che deve sia a Il muro del canto che a Zerocalcare.

Mainetti è il primo a intercettare in forme compiutamente cinematografiche il vero tessuto culturale (non quello pigramente desiderato da assessori e combriccole politiche assortite) di Roma e per estensione del paese (e del resto delle sue periferie). Tessuto che resiste a modo suo ai piani regolatori generali e alla gentrificazione ricreandosi in rete come comunità fantasma e trasversale. Autentico ghost in the machine.

La precisione documentaria di Mainetti permette di osservare all’opera nel film un passaggio chiave. Lo chiamavano Jeeg Robot è il primo film italiano post-Caligari. La poetica sottoproletaria pasoliniana rielaborata da Caligari trova una formulazione sorprendente e inedita in Lo chiamavano Jeeg Robot. I personaggi risuonano di altri storie ma è il contesto mitologico intorno a loro a essere profondamente cambiato. Per dirla con un cortocircuito: immaginate Tommaso Puzzilli morso da un ragno radioattivo. L’estensione politica e mitologica di Lo chiamavano Jeeg Robot è questa.

Come un antieroe Marvel degli anni Settanta, gli eroi riluttanti come Johnny Blaze di Ghost Rider o Shang-Chi, Enzo si ritrova dotato di poter superumani dopo essere stato contaminato da rifiuti tossici russi gettati nel Tevere. E già questa è un’intuizione… superumana che lega immediatamente il tuffo di Accattone a quello involontario di Enzo. Nel Tevere si nasce e si muore mentre la camorra si gioca gli appalti della Capitale a suon di bombe e pigrissimi comunicati emergenziali risuonano dalle mille radioline (e la memoria corre alle tavole di Ranxerox di Tamburini e Liberatore: I can feel the fear in the western world).

Enzo però al centro di Roma “ci lavora”. Come tanti, lui vive a Tor Bella Monaca. Ed è il viaggio che Enzo compie verso il centro di Roma, il suo nostos, la traccia epica del film di Mainetti. L’ultima inquadratura, infatti, lo coglie sul bordo del colosseo come Devil attaccato al Flatiron o Batman ai gargoyle di Gotham.

Intrecciare la mitologia nipponica di Go Nagai che a partire dalla fine degli anni Settanta ha (tras)formato intere generazioni di telespettatori annodandole idealmente a quella precedente che sognava sugli albi Marvel della Corno mettendole però idealmente in dialogo e con le nuovissime generazioni digitali, attraverso il vernacolo capitolino, è un’operazione di rara lungimiranza. La cultura pop si rigenera instancabilmente, essendo la merce che contiene tutte le altre merci, ma Mainetti è riuscito a cogliere, ancora una volta: con precisione documentaria, l’attimo in cui questa trascende se stessa e diventa altro. Nuovo luogo di aggregazione, discorso, parola, possibilità politica.

Lo chiamavano Jeeg Robot è davvero l’anno zero del cinema di genere italiano. A Gabriele Mainetti l’augurio di realizzare altri film del valore di questo.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>