newsletter

mercoledìcinemaCinelinguaggi

Nelle tiepide notti d'estate, gli spettatori potranno godersi l'esperienza estiva del cinema seduti comodamente, esplorando il rapporto emozionale tra cinema e musica. Potranno anche, dopo la proiezione, dilungarsi, parlando di cinema degustando del buon vino e ascoltando musica.

11.07 “Jersey Boys” di Clint Eastwood

18.07 “The Rocky Horror Picture Show” di Jim Sharman

25.07 “Tutti per uno” di Richard Lester (il primo film dei Beatles).

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

No alla riforma della sanità: oltre mille sfilano ad Ancona, “Abbiamo perso la pazienza”

ANSA.it

Sanità: corteo dei sindacati, pensionati ad Ancona contro la riforma ragionale (ANSA.it)

Sanità: corteo dei sindacati, pensionati ad Ancona contro la riforma ragionale (ANSA.it)

Oltre mille persone stanno sfilando, sotto la pioggia caduta a tratti, nel centro di Ancona per la manifestazione organizzata dai sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil per protestare “contro le mancate risposte della regione sui temi del riordino della sanità e dei servizi sociosanitari marchigiani”. Nonostante il traffico sia stato deviato, ci sono disagi e rallentamenti alla circolazione.

“Abbiamo perso la pazienza, paghiamo le tasse vogliamo assistenza” la scritta su uno striscione all’inizio del corteo, mentre un cartello invoca “salute per tutti”. I sindacati dei pensionati dicono no “ad una riorganizzazione della Sanità decisa esclusivamente da Regione e Asur, che mette a rischio le tenuta del sistema sanitario pubblico e universalistico” e chiedono risposte concrete su liste di attesa, cure domiciliari, servizi residenziali e semiresidenziali, case della salute, fondo regionale di solidarietà.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>