newsletter

BLANCHE ACOUSTIC DUO

Versus

Arte.it Maria Chiara Petrone

Maria Chiara Petrone

Maria Chiara Petrone

Classe 1991, Maria Chiara Petrone,nasce a Lovere in provincia di Bergamo, si diploma in maturità classica a Benevento ed è attualmente iscritta alla facoltà di lettere e filosofia di Roma.

Figlia dell’artista Andrea Petrone, nipote del pittore Mario Petrone e della poetessa Chiara Luciani, figlia del grande poeta dialettale abruzzese Alfredo Luciani.

Maria Chiara Petrone

Maria Chiara Petrone

Maria Chiara, artista emergente, ha nel sangue l’arte: disegna, scrive, recita. “L’animo umano è fonte di grande ispirazione per me”. Queste le parole dell’artista, sfruttando tale ispirazione Maria Chiara Petrone compone e scrive poesie, racconti, testi. Poesie intense, poesie d’amore, poesie di sofferenza e dolore, poesie di denuncia; componimenti originali e intuitivi, di facile lettura.

Riesce ad immortalare in una parola ciò che internamente l’animo sente.

Nel 2014, una sua poesia viene pubblicata sull’antologia “Una poesia per Eus” edita da Eus edizioni.

Nel 2016, inizia un percorso collaborativo con il magazine online  “Mi faccio di cultura”.

In rete, sul canale YouTube, troviamo pubblicate due sue travolgenti poesie interpretate egregiamente dall’attore Franco Picchini, doppiatore italiano. Si tratta di due componimenti a tema amoroso, tematiche care all’autrice e ricorrenti nei suoi testi.  La prima poesia porta il titolo di “Io e te”, in cui la poetessa decanta un vero e proprio atto d’amore, di cui la magica Selene è spettatrice.

Il secondo testo porta il nome di “D’amorosi giochi” ed è in questo testo che i pensieri dell’autrice escono con maggior chiarezza e potenza. La poetessa descrive con grande intensità la forza dell’amore che porta in grembo gioia e sofferenza. L’amore viene descritto e sentito come forza totalizzante e salvifica, senza  cui la vita non sarebbe possibile.

Maria Chiara Petrone

 

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>