newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Filottrano, rubati strumenti musicali. Accorato appello: “Aiutateci a ritrovarli”

Corriere Adriatico

Mario Severini

Mario Severini

FILOTTRANO – Un mixer a 16 canali, sei casse, due amplificatori e una tastiera pianoforte. Un colpo da diverse migliaia di euro, cui sommare i danni da effrazione, quello messo a segno dai ladri nella casa di campagna al confine fra Montefano e Filottrano dove si trova la sala prove con studio registrazione dei Gang, la storica band dei fratelli Severini dal 1984 presenti sulla scena musicale italiana con dodici album all’attivo.

A darne notizia è stato Marino, la voce del gruppo che l’anno scorso ha realizzato la sua ultima raccolta di inediti (Sangue e cenere) grazie al crowdfunding.

“Qualche giorno fa alcuni ’simpaticoni’ si sono introdotti nel casolare dove facciamo le prove e hanno “preso in prestito” (ma senza chiedercelo) una parte della strumentazione che è nostra e di due altri gruppi con i quali dividiamo da tempo la sala prove, Border Radio e Malavida. Riteniamo questo fatto estremamente grave, non tanto e non solo per il valore della refurtiva, ma per il gesto in sé. Per entrare hanno addirittura abbattuto una porta sul retro provocando danni non indifferenti. Abbiamo in affitto questo casolare dal 1980 e per 36 anni mai nessuno ha provato a fare una cosa simile. Questo – sottolinea Severini – perché tutti in zona sanno che quella sala prove, la nostra strumentazione e un piccolo studio di registrazione, sono stati sempre messi a disposizione gratuitamente a tutti quelli che non avevano soldi per pagare l’affitto o che volevano registrare un cd. Chiedo allora a nome di tutti e tre i gruppi che sono stati derubati di aiutarci a trovare chi è stato ma soprattutto a poter riprendere ciò che è nostro e che è stato sempre messo in comune”.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>