newsletter

mercoledìcinemaCinelinguaggi

Nelle tiepide notti d'estate, gli spettatori potranno godersi l'esperienza estiva del cinema seduti comodamente, esplorando il rapporto emozionale tra cinema e musica. Potranno anche, dopo la proiezione, dilungarsi, parlando di cinema degustando del buon vino e ascoltando musica.

11.07 “Jersey Boys” di Clint Eastwood

18.07 “The Rocky Horror Picture Show” di Jim Sharman

25.07 “Tutti per uno” di Richard Lester (il primo film dei Beatles).

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Dialetto in pillole (26) Pina Zaccari, “La ‘égghia del mortu” – Scena sesta

Il morto che parla (foto Fabio Marchetti)

Il morto che parla (foto Fabio Marchetti)

Le donne che vegliano il morto hanno spettegolato su tutto e su tutti per l’intera durata della veglia. Ora sentono anche loro la stanchezza. A quel punto alcuni dei presenti si allontanano dal letto, dialogando sottovoce tra loro; altri rimangono in scena, immobili e avvolti dal buio. Viene illuminato solo il defunto che, all’improvviso, si rianima e parla rivolto al pubblico. Si lamenta per quello che si dice di lui.

Quante volte, da ragazzi (ma non solo), abbiamo sentito dire da qualche vegliante frasi del tipo: “Quant’era bònu! Ma però je piacéa tròppu ‘na guccina, ànema cara!”; “Te recordi quela ‘òlta che ha menàtu a la fija? El Segnoru l’arà perdunàtu scigùru”; “E zitta, nu’ lu dì che se te sente la bon’anema!”. Bene,questa volta la “bon’ànema” ha sentito. E dice la sua.

Locandina de “La ‘égghia del mortu”

Locandina de “La ‘égghia del mortu”

Giggio – Supportele ‘n po’ tutta la notte !… Subbissatu[1] da vivu e da mortu… Se nun tìrene ‘ia a rponneme, … me alzu su e le sgranfignu a tutte !… A nun ‘rmanne tutte ‘ffugate de sangozzu!  Che pezze de lengue longhe,… rabbìte… Nun s’è salvati mancu i piri d’ì banghi!… Furtuna quela santa donna de zì Carola !…  Donca sarìa un tatanellu,… un ‘mbriagó,’… un zuzzó!… Chissà chi c’era cu’ me in cantina… a bé’,… a stènne le carte??.. [2] Chissà ggió la marina derète ai casotti chi me chiamàa a fa bubanella  pe’ la signora de Roma ch’era la meju de tutte???… Fusse per giustu… sarìa da alzasse su e piàlle a schiaffi!… Ne l’hu fattu mai prima ,… feguramece adè  che sto  ‘n du  sto !…  Pòlene sapè  se bebène[3] che, quannu su’  ‘riàtu Quassù, San Pietru m’ha upertu el purtó e m’ha ‘mbracciatu…eppò m’ha dittu  :

      – Brau Ggì…Iu su’ statu un pescatore cume te, scurzó [4], ‘gnurante, che ha fattu pure tanti sbàj…ma Nazzare’… ulèu di’ el  Padreternu, a la fine de tuttu, m’ha giudecatu perchè m’ha guardatu drentu… e m’ha fattu duèntà Capu…

       Se stacéi sempre in maru, per forza che ha cumannatu sempre lia!… Ma a la fameja nun j’hai fattu mancà gne’… Pogu de tuttu, ma unestu sempre! …Da ‘ste parte nun ce serve i capetali,… le case… i quadrì…Nun c’è chi mormura dej altri invece de pensà per lora!…. Senti che pace…Se sciala… cume quannu de matina bunora stai da per te ggió la marina e possi guardà el maru ‘ttaccatu cul cêlu, prima che jenga fora el sole!

      Quelli  che  ‘ncora stanne  de là ci aranne da tribbulà’…ma un buccó de Paradisu tocca a guadagnàsselu !… Minga ce se rìa cu’  la carozza!!

 

La luce sul morto si spegne.

 

AVVISO: Vado incontro a un periodo fitto di impegni e scadenze (il n. 15 de Lo Specchio magazine, alcuni lavori miei che devo terminare, preparazione dei corsi per l’università della terza età di Loreto ed altro ancora; perciò, per un po’, gli appuntamenti settimanali di questa rubrica saranno non più quattro, ma due, indicativamente il lunedì e il giovedì. Con la speranza di riprendere presto il ritmo normale.

[1] Perseguitato, tormentato.

[2] Giocare a carte.

[3] Buone a nulla; cfr. il toscano babano, stesso significato.

[4] Rozzo.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>