newsletter

mercoledìcinemaCinelinguaggi

Nelle tiepide notti d'estate, gli spettatori potranno godersi l'esperienza estiva del cinema seduti comodamente, esplorando il rapporto emozionale tra cinema e musica. Potranno anche, dopo la proiezione, dilungarsi, parlando di cinema degustando del buon vino e ascoltando musica.

11.07 “Jersey Boys” di Clint Eastwood

18.07 “The Rocky Horror Picture Show” di Jim Sharman

25.07 “Tutti per uno” di Richard Lester (il primo film dei Beatles).

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Cina, le città senza città

da Il Post

 In Cina prima vengono costruite per intero, e poi vengono abitate: Kai Caemmerer le ha fotografate nel momento di mezzo

Unborn Cities è un progetto del fotografo Kai Caemmerer, che mostra la struttura architettonica e la crescita di nuove città nel centro della Cina continentale, secondo un modello urbano diverso da quello occidentale.

Caemmerer ha spiegato che a differenza di molte città occidentali – che iniziano a svilupparsi partendo da piccole aree di sviluppo urbano e crescono poi con le industrie locali, raccogliendo anno dopo anno intorno a sé una comunità e una storia – le aree fotografate sono costruite quasi interamente prima che le persone vadano a viverci. Per questo motivo c’è un periodo di mezzo tra la fase di sviluppo e quella finale in cui la maggior parte degli edifici rimane vuota, in attesa. Durante questa fase le nuove aree vengono descritte dai media come ”città fantasma”, un termine che secondo Caemmerer non tiene conto del fatto che sono costruite su un modello urbano e una linea temporale a sé stanti, diversi dai metodi occidentali di urbanizzazione. Con le sue immagini, Caemmerer ha voluto descrivere proprio il momento dell’attesa: «Riflettono il senso invertito della realtà che si avverte in una città che deve ancora essere abitata dalla gente per cui è stata costruita; “una città senza una città” che, al momento, sembra più simile a un modello architettonico che a un posto per vivere».

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>