newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Voto francese Lezione per l’Europa

di Bernard Guetta (Internazionale)

Tricolore francese

Tricolore francese

Non riguardano soltanto la Francia, ma l’Europa intera. Come in Francia, anche nel resto d’Europa una nuova estrema destra si è infatti affermata sullo scacchiere politico, interrompendo il tradizionale dominio di destra e sinistra.

In quasi tutti i paesi dell’Unione esistono partiti simili al Front national, e tutti si sono sviluppati nel quarto di secolo che ci separa dal crollo sovietico. Anche le ragioni della loro ascesa sono le stesse.

Negli ultimi 25 anni ci siamo lasciati alle spalle l’equilibrio armato che garantiva una stabilità tutto sommato rassicurante; abbiamo visto emergere nuove potenze il cui sviluppo ha improvvisamente cancellato cinque secoli di predominio occidentale e abbiamo avvertito fin nelle nostre città le scosse sanguinarie di un islam che cerca la sua strada dopo otto secoli di decadenza.

Questi tre grandi cambiamenti, ancora in corso e profondamente inquietanti per l’Europa, hanno alimentato una paura che continua a crescere.

Gli europei non si sentono più protetti perché non hanno una difesa comune e perché l’ombrello statunitense sembra essersi chiuso. I lavoratori europei vedono sbriciolarsi la protezione sociale perché il capitale non è più disposto a fare le stesse concessioni dei tempi del comunismo e perché la trasformazione dei paesi emergenti nelle fabbriche del mondo esercita un’enorme pressione sui salari deindustrializzando l’Europa.

Come agli albori del fascismo, anche oggi il nazionalismo e l’angoscia si mescolano formando un cocktail esplosivo

Dunque c’è una logica dietro il successo delle nuove estreme destre, che possono presentarsi come baluardi di privilegi legati al passato promettendo la chiusura delle frontiere e la fine del libero scambio. Come agli albori del fascismo e del nazionalsocialismo, anche oggi il nazionalismo e l’angoscia si mescolano formando un cocktail esplosivo. A sua volta, il ritorno al nazionalismo si nutre di un duplice odio, quello nei confronti dell’islam percepito come una minaccia globale e quello verso l’unità europea considerata come il cavallo di Troia della globalizzazione e il boia degli stati-nazione che avevano negoziato i compromessi sociali del dopoguerra.

Se nessuno le fermerà, le nuove estreme destre porteranno l’Europa verso una catastrofe economica, perché il ricorso al protezionismo stroncherebbe le esportazioni europee mentre un ritorno alle valute nazionali scatenerebbe una competizione suicida a chi è più insignificante sul mercato monetario. Le difficoltà sociali non sarebbero affatto ridotte (quanto piuttosto moltiplicate) e al contempo l’odio contro i musulmani scatenerebbe rapidamente conflitti di portata nazionale e internazionale.

I paesi europei non possono lasciarsi paralizzare delle estreme destre. Dobbiamo scongiurare questo pericolo e non possiamo riuscirci senza che le sinistre e le destre tradizionali denuncino la follia dei progetti delle estreme destre, unendosi per opporre all’avversario quei compromessi che sono in grado di raggiungere in caso di necessità e che oggi sarebbero sostenuti dai due terzi degli europei.

(Traduzione di Andrea Sparacino)

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>