newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Re Bansah: monarca part-time, meccanico full-time

Re Bansah (foto di Mirka Laura Severa, Vice.com)

Re Bansah (foto di Mirka Laura Severa, Vice.com)

Testo e foto di Mirka Laura Severa (Vice.com)

Re Bansah, o Togbe Ngoryifia Céphas Kosi Bansah, governa sullo stato tribale di Hohoe in Ghana. Il suo regno conta circa 200.000 anime, ma in qualità di capo temporale e spirituale della tribù Ewe è anche l’autorità riconosciuta da due milioni di persone in Togo.

Ma non vive né in Ghana né in Togo. Vive a Ludwigshafen in Germania, dove lavora come meccanico nella sua officina.

Nel 1970 suo nonno, al tempo re di Hohoe, l’aveva mandato in Germania per diventare meccanico. Quando Bansah ha finito gli studi ha deciso di restare. Ha aperto la sua officina e ha condotto una vita tranquilla finché, nel 1987, un fax dal Ghana l’ha cambiata per sempre.

Suo nonno era morto e il padre e il fratello di Bansah erano considerati inadatti al governo perché mancini — caratteristica che gli Ewe considerano “impura”. Bansah è stato nominato erede al trono. Ha accettato e da quel momento il benessere e il progresso della sua gente è diventato il suo primo scopo nella vita, pur continuando a lavorare a tempo pieno nella sua officina. Ecco perché governa al telefono e via email.

Re Bansah torna in Ghana diverse volte all’anno, spesso in compagnia della teutonica moglie Gabriele, per dedicarsi completamente al suo popolo. Il paese è una democrazia dal 1992, ma i re tribali restano funzionari e mediatori importanti. Re Bansah fa costruire scuole, ponti e pozzi, e dona alla popolazione pompe idriche e mezzi di trasporto. Per raccogliere fondi in Germania si esibisce come cantante, partecipa a programmi TV ed eventi pubblici.

L’ho incontrato nel 2009. Studiavo in una città vicino a Ludwigshafen, e ho cominciato a seguirlo. Insieme siamo andati in Ghana e Togo e andavo spesso a casa sua, dove mi cucinava deliziosi piatti tradizionali. Quando va in Ghana porta là la cucina tedesca. Per finanziare i suoi progetti umanitari ha anche iniziato a vendere una birra che produce lui stesso, la Akosombo—ma lui è astemio.

Foto: http://www.vice.com/it/read/re-bansah-foto-mirka-laura-severa-763

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>