newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Quante parole del vostro dialetto derivanti dallo spagnolo sapreste elencare?

La risposta

Nel dialetto di Porto Recanati se ne contano almeno un centinaio. Naturalmente non possiamo elencarle tutte qui; ne diamo solamente qualche esempio, in attesa di suggerimenti:

atturànte sost. m., poveraccio, che si arrangia assai per vivere, ha poi assunto un senso dispregiativo riferito a persone poco affidabili; SP americano atturante, neologismo popolare, dal nome della ditta inglese Toran, incaricata di installare le tubature dell’acquedotto di Buenos Aires e i cui operai dormivano all’interno dei tubi da collocare non disponendo di altri alloggi.

cagiàtu agg., calmo, prudente; SP callado (con pronuncia sudamericana g  dolce della ll), riservato, discreto, da callar, far silenzio, star zitto, mantenere un segreto. In uso nel gioco di carte del Truco per invitare il compagno a giocare con prudenza.

canulè, sost. m., canutiglia, frangia di piccoli fili di metallo o altro, ad ornamento di uniformi, stendardi, bandiere, usata anche per l’abbigliamento “normale” (sottana sfrangiata); SP cañutillo, piccolo cannello, da cañuto, tubetto, cannello.

ciaccarèru sost. m., alle prime armi nel lavoro, inesperto; SP chacarero, vergaro, contadino, dalla parola cilena chacra, terreno coltivato a legumi e ortaggi; venir de la chacra, essere un ignorante, ingenuo, incolto.

gualìcciu sost. m., filtro d’amore; SP gualicho, talismano, maleficio; dalla lingua degli indios di Patagonia, estremo sud dell’Argentina, i tehuelches, che così chiamavano lo spirito del male.

Abbreviazioni: sost. sostantivo – m. maschile – agg. aggettivo – SP spagnolo

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>