newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Primo raduno delle antiche Comunanze agrarie delle Marche

Agricoltura: primo raduno antiche Comunanze agrarie delle Marche

Proprietà collettiva, da secoli gestisce 70 mila ettari terreni

da ANSA.it – CAMERINO (MACERATA), 1 DIC

Si tiene giovedì 3 dicembre a Camerino il primo storico raduno delle Comunanze agrarie delle Marche, quelle forme ultrasecolari di proprietà collettiva che nella regione gestiscono fino a 70mila ettari di terreni (quasi un decimo dell’intero territorio marchigiano), il più delle volte nelle zone interne e montane. L’iniziativa è organizzata da Coldiretti Marche e Federforeste. Le comunanze agrarie (chiamate anche università agrarie) sono antiche associazioni di abitanti di una determinata area che gestiscono collettivamente, spesso da secoli, delle “fette” di territorio.

Possono riunire, ad esempio, tutti i residenti di una determinata frazione, oppure essere composte, per statuto, solo dai discendenti delle famiglie che ne composero il primo nucleo.

Ci sono delle comunanze che gestiscono un bosco, curandone la “manutenzione” e ricavandone poi la legna per riscaldare le case del paese, ma anche chi amministra i pascoli, affittandoli ai pastori, per utilizzare le risorse per il miglioramento del proprio territorio. E in passato c’era anche chi pagava il medico condotto per gli abitanti. Forme mutualistiche vecchie anche di cinque secoli, a volte neppure censite, che, secondo Coldiretti Marche e Federforeste, potrebbero rappresentare un’occasione per tornare a creare lavoro nelle aree interne, attraverso una più efficiente gestione associata e sfruttando anche le opportunità offerte dai fondi europei del nuovo Piano di sviluppo rurale.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>