newsletter

  • Milo Yiannopolous plans to hold his own free-speech forum at UC Berkeley today 24/09/2017
    Milo Yiannopolous plans to hold his own free-speech forum at UC Berkeley today  Los Angeles TimesFree Speech Week' at UC Berkeley Canceled, Milo Yiannopoulos Blames School  NBCNews.comFree Speech Week at Berkeley Is Canceled, but Milo Yiannopoulos Still Plans to Talk  New York TimesMasked protesters' earlier riot led to Free Speech Week, organizers say  San Francisco ChronicleBerkeley Patriot files civil […]
  • White House 'Planning' on Health Care Vote This Week 24/09/2017
    White House 'Planning' on Health Care Vote This Week  NBCNews.comSusan Collins Says It's 'Very Difficult' to Imagine Supporting Graham-Cassidy  New York MagazineFull coverage
  • Pittsburgh Penguins announce they have accepted invitation to attend White House 24/09/2017
    Pittsburgh Penguins announce they have accepted invitation to attend White House  Washington PostPittsburgh Penguins accept invite to visit White House to celebrate Stanley Cup  USA TODAYPenguins accept invitation to visit White House  New York PostBacklash as Trump Slams NFL Players' Protests, NBA's Stephen Curry  NBCNews.comGelzinis: Heedless screed to a keyed-up crowd lands out of bounds to all but the […]
  • AP Was There: Paratroops with bayonets escort Little Rock 9 24/09/2017
    AP Was There: Paratroops with bayonets escort Little Rock 9  San Francisco ChronicleSegregation lingers in US schools 60 years after Little Rock  Fox NewsFull coverage
  • Steelers plan to stay in locker room during national anthem 24/09/2017
    Steelers plan to stay in locker room during national anthem  NFL.com'We're not going to play politics': Steelers' Mike Tomlin says team won't take the field for anthem  Washington PostSteelers will remain in locker room for national anthem in Chicago, Mike Tomlin says  Sporting NewsBears issue statement on President Trump's comments; Steelers to remain in locker room during anthem  Chicago […]
  • US kills 17 ISIS militants in Libya airstrike 24/09/2017
    US kills 17 ISIS militants in Libya airstrike  Washington ExaminerUS Kills 17 IS Militants in Libya  Voice of AmericaFull coverage
  • Ravens, Jags kneel, lock arms during national anthem 24/09/2017
    Ravens, Jags kneel, lock arms during national anthem  ESPNRavens at Jaguars in London: How to watch and stream on NFL Sunday, picks  CBSSports.comAs Trump continues his attacks, NFL players protest by kneeling or locking arms  Los Angeles TimesNFL players kneel during national anthem following further Trump tweets  Washington PostBaltimore Ravens vs. Jacksonville Jaguars LIVE SCORE UPDATES and STATS (9/24/17) […]
  • Hurricane Maria deals Puerto Rico's fragile economy a new blow 24/09/2017
    Hurricane Maria deals Puerto Rico's fragile economy a new blow  Business InsiderSummery sunshine, near-record warmth likely Sunday  WFMZ AllentownFull coverage
  • Trump Could Win Even if he Loses in Alabama 24/09/2017
    Trump Could Win Even if he Loses in Alabama  NBCNews.comTrump Wades Deeper Into Alabama Primary At Campaign Rally — With Some Hesitation  WBURWhite House: No Defeat for Trump if Strange Loses in Alabama  U.S. News & World ReportYou think Donald Trump is bad? You ain't seen nothing yet  The IndependentFull coverage
  • German Chancellor Merkel on track for 4th term as far right set to enter Parliament, projections show 24/09/2017
    German Chancellor Merkel on track for 4th term as far right set to enter Parliament, projections show  Washington PostMerkel Seeks Fourth Term as Germans Vote in Federal Election  BloombergGermans warned against apathy as Merkel heads for fourth term  ReutersGerman elections 2017: Angela Merkel wins fourth term but AfD makes gains, exit poll says – live updates  The GuardianLike Trump, […]
  • Pakistan shows Gaza war victim's photo as face of Indian atrocities at UNGA; draws flak 24/09/2017
    Pakistan shows Gaza war victim's photo as face of Indian atrocities at UNGA; draws flak  FirstpostPakistani diplomat Maleeha Lodhi shows wrong photo of pellet victim at UN  SAMAA TV News PakistanDeveloped world must help less fortunate ones on climate change: Sushma Swaraj  Economic TimesFull coverage
  • Recalling a Tortured Past, Iraqi Kurds to Vote on Independence 24/09/2017
    Recalling a Tortured Past, Iraqi Kurds to Vote on Independence  New York TimesIran halts flights to Iraq's Kurdish region in retaliation for independence vote  ReutersKurdish president says partnership with Iraq is over  Washington PostWhy the Kurds seeks a country of their own  gulfnews.comFull coverage
  • Stevie Wonder takes both knees 'for America' after Trump NFL remarks 24/09/2017
    Stevie Wonder takes both knees 'for America' after Trump NFL remarks  CNNWatch Stevie Wonder Take Knee, Cover Daft Punk With Pharrell at Global Citizen  RollingStone.comStevie Wonder Takes a Knee 'for America' in Solidarity After Trump's Colin Kaepernick Tirade  PEOPLE.comStevie Wonder bends both knees 'for America' during Global Citizen concert  New York Daily NewsKneeling protests spread amid Trump's feud with […]
  • Trump cranks up North Korea threats as Pyongyang holds anti-US rally 24/09/2017
    Trump cranks up North Korea threats as Pyongyang holds anti-US rally  ReutersSyria looks to peace, North Korea to attack on US mainland  Washington PostMnuchin: Trump doesn't want to be in a nuclear war  The HillNorth Korean Minister Says Trump the One on Suicide Mission  BloombergTrump vs. Kim: Political theater or prelude to apocalypse?  Detroit Free PressFull coverage
  • Howe: 5 things to watch in Patriots vs. Texans 24/09/2017
    Howe: 5 things to watch in Patriots vs. Texans  Boston HeraldPackers QB Aaron Rodgers Posts Picture Kneeling With Teammates  Sports IllustratedFull coverage

ISIS, guerra al Califfo: un ponte nel vuoto

ISIS, il califfato del sedicente Stato Islamico

ISIS, il califfato del sedicente Stato Islamico

“Guantanamo è una sorta di terrificante museo dell’errore. Ho scritto errore, e conto sul senso di questa parola. Guantanamo, disumano com’era (come in parte è ancora) avrebbe piegato i combattenti di una guerra, non i “martiri” (condizione interiore e ascetica) del terrorismo. Quei “martiri” non li trovi prima del tempo, perché potrebbero essere chiunque, e non li trovi dopo, perché sono morti o sono evaporati (la “caccia” di Moullenberg, in Belgio, è un episodio esemplare) in un altrove in cui o tornano “al lavoro” o scompaiono per sempre.”

di Furio Colombo – Il Fatto Quotidiano

Un editoriale del Corriere della Sera (4 dicembre) ci avverte che per la guerra contro il Califfato bisognerà aspettare il 2017, quando l’America sarà un affidabile Paese guida, dopo il lungo languore di Obama. Paese guida significa (ci spiega l’autore dell’editoriale, Galli della Loggia) significa guerra. E finalmente, se Dio vuole, ci sarà guerra, quella cosa vera e solida che si combatte, senza tante storie, dove capita e quando è giusto.

Interessante, nell’articolo dedicato all’inettitudine bellica di Obama, il richiamo a Carter, altro presidente inadeguato. Cito: “Jimmy Carter, presidente di un Paese estenuato dopo il Vietnam, non farà nulla di nuovo, non restituirà all’America, men che mai alle faccende mediorientali, il ruolo dello Stato guida, della potenza che esercita una forte leadership sull’insieme degli alleati”. La parola chiave è “nuovo”. Se non fai guerra non fai nulla di nuovo, non sei nessuno e non conti niente, tanto è vero che l’articolista si dimentica che Carter è stato l’artefice di Camp David e non ha mai smesso di tentare di portare pace intorno a Israele e Palestina. Fa luce la frase “Carter, presidente di un Paese estenuato dopo il Vietnam”.

Carter è il primo dei presidenti Usa (non tutti, non Reagan, non Bush padre, non Bush figlio) a capire il senso di quella fuga disperata in elicottero dai tetti dell’ambasciata di Saigon. Non era debolezza, la ragione di quella fuga. Era la portata eccessiva della potenza. Con armi appropriate il Vietnam finiva in un giorno. Ma sono armi troppo potenti e distruggono anche chi le usa. Però se non le usi, il più potente perde, anche se distrugge molto persone e cose. La Corea, ilVietnam, l’Afghanistan, l’Iraq, sono lì a dimostrarlo. Se scorrete la lista delle guerre non vinte, vi accorgete che, nel frattempo, è cambiato il nemico. Non è più il comunismo, che era una immensa entità fisica, Stati, città, fabbriche, milioni di persone e un immenso accumulo di armi. È il terrorismo, che sta alla guerra tradizionale come la malattia mentale sta al dolore fisico. Non c’è, non la vedi, non la tocchi, ma il tormento è insopportabile. Una parte del mondo insiste nel portare in camera operatoria e mettere “sotto i ferri” questa condizione umana, il terrorista, che realizza se stesso come vocazione di morte (da dare e da avere) e quasi non lascia traccia. O ti lascia i morti, assassini inclusi.

Guantanamo è una sorta di terrificante museo dell’errore. Ho scritto errore, e conto sul senso di questa parola. Guantanamo, disumano com’era (come in parte è ancora) avrebbe piegato i combattenti di una guerra, non i “martiri” (condizione interiore e ascetica) del terrorismo. Quei “martiri” non li trovi prima del tempo, perché potrebbero essere chiunque, e non li trovi dopo, perché sono morti o sono evaporati (la “caccia” di Moullenberg, in Belgio, è un episodio esemplare) in un altrove in cui o tornano “al lavoro” o scompaiono per sempre.

Però i “martiri” del terrorismo, come quelli della fede, non nascono da soli. Ci vuole una Chiesa. Si alza il grido di battaglia: tutti a far la guerra a questa chiesa. Sappiamo dove sono e li sterminiamo, allo scopo nobile e legittimo di vivere in pace. Per questo è nato lo Stato islamico. Per attrarre i volonterosi del combattimento in un punto o in un altro, mentre crollano regimi e dittatori veri, mentre le rivolte locali (che un momento fa erano primavere) massacrano o vengono massacrate. Le regole sono state stabilite dal terrorismo e in ogni scontro epocale valgono le regole peggiori: si combatte per sterminare. Si sterminano i popoli, non gli eserciti. Si uccidono gli innocenti, non i colpevoli, perché la distinzione è sconosciuta e irrilevante.

Conta lo spettacolo perché la lezione ormai è imparata da tutti: se non vedi l’albero che cade nella foresta, l’albero non è mai caduto. Ma persino le regole peggiori e lo spettacolo più crudele e visivamente straordinario, non definiscono chi è il nemico. Ci siamo detti che manca la “intelligence”. Non è vero. C’è chi sta con noi e finanzia la parte con cui combatte, e quella contro cui combatte. C’è chi dona il benessere a livello finora sconosciuto a una parte, e all’altra parte quantità e qualità di armi che possono far durare qualunque guerra. Per misere ripicche personali fra leader, la Russia e la Turchia, due alleati, si sono accusate a vicenda di commerciare in grande col nemico. Abbiamo tutti capito che avevano ragione entrambi. Già, machi è il nemico? Qualcuno, abile e intelligente, sta facendo crescere una nostra macchina bellica immensa (crescerà di più, quando Obama se ne sarà andato) mentre il nemico c’è, non c’è, colpisce e sparisce a due passi da noi. Ha ragione Papa Francesco, che ha ereditato l’ossessione dei ragazzini dei centri sociali: finché continua la fabbrica delle armi, si può essere ottimisti. Forse non sulla sicurezza, ma certo su un certo benessere, che non c’è ragione di condividere. Se qualcuno viene su dalle scale, tu spari, uccidi e sei l’eroe del giorno. E così via.

Il Fatto Quotidiano, 6 dicembre 2015

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>