newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Il PD alle prese con i punti nascita

Ospedale di Fabriano (estate 2014)

Ospedale di Fabriano (estate 2014)

L’autosospensione dal PD del sindaco fabrianese Giancarlo Sagramola e di assessori e consiglieri comunali del partito arriva sul tavolo del premier Renzi. Proprio lui, in qualità di segretario nazionale dei Democratici, è stato raggiunto ed informato del caso politico ormai divenuto di interesse nazionale vista la spaccatura sempre più netta tra il direttivo regionale e il gruppo fabrianese dopo la decisione di chiudere a partire dal 31 gennaio il punto nascite dell’ospedale Profili assieme agli omologhi servizi di Osimo e San Severino. Magari non sarà Renzi in persona a scendere in campo per fare da pacere nella querelle tra il governatore Luca Ceriscioli e i colleghi di partito dell’entroterra, ma è probabile che tocchi all’immediato entourage del primo ministro affrontare la questione per cercare di sanare una frattura sempre più evidente, al punto che nell’ultimo faccia a faccia ad Ancona tra Ceriscioli e Sagramola, il sindaco fabrianese ha più volte battuto i pugni sul tavolo del governatore dicendosi tradito da questa decisione. Peraltro sotto i riflettori non c’è soltanto il PD, ma la partita potrebbe allargarsi in quanto anche in casa degli alleati gli animi sono altrettanti caldi. Il provvedimento di autosospensione, infatti, è stato preso anche da tutto l’Udc della zona montana, incluso il sindaco di Sassoferrato Ugo Pesciarelli. E proprio il partito dello scudocrociato in queste ore ha alzato il tono della polemica attraverso un comunicato del gruppo fabrianese che chiede ai vertici regionali di mettere in discussione la coalizione con il PD per il governo delle Marche.

RESTO DEL CARLINO – ANCONA

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>