newsletter

mercoledìcinemaCinelinguaggi

Nelle tiepide notti d'estate, gli spettatori potranno godersi l'esperienza estiva del cinema seduti comodamente, esplorando il rapporto emozionale tra cinema e musica. Potranno anche, dopo la proiezione, dilungarsi, parlando di cinema degustando del buon vino e ascoltando musica.

11.07 “Jersey Boys” di Clint Eastwood

18.07 “The Rocky Horror Picture Show” di Jim Sharman

25.07 “Tutti per uno” di Richard Lester (il primo film dei Beatles).

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Dialetto in pillole (6)

Nel 2000 la rivista del Centro Studi Portorecanatesi (Archivi di Porto Recanati e dintorni, n. 3) pubblicò uno speciale sull’Abbazia di Santa Maria in Potenza, fondata dai monaci Crociferi nella seconda metà del XII secolo. Il volume conteneva articoli di Francesco Nobili Benedetti, Vincenzo Galiè, Francesco Pirani, Franco Foschi, Nando Carotti e Lino Palanca. Conteneva pure una poesia in dialetto portolotto di Novella Torregiani, che le chiesi all’ultimo momento e che lei riuscì a darmi appena in tempo per la stampa. Mi fa piacere riproporla in questo spazio dedicato alle cose di casa nostra.

 

Il memorial Novella Torregiani, 18 aprile 2015 (foto Paola Mandozzi)

Il memorial Novella Torregiani, 18 aprile 2015 (foto Paola Mandozzi)

L’abbadìa granna

Edèra l’Abbadia

– l’Abbadia granna –

un puntu pe’ ‘ncuntrasse:

casa, ‘spedale

pe’ ‘ssi puretti, portu de speranza,

restoru pe’ i despersi,

pe’ chi stacea male.

Monechi santi facea del bè’ a tutti,

li custudia, li mettea in sestu [1];

c’éene tuttu pe’ la carità [2].

I furastieri che c’ea de besognu,

rcujea ssu, je dacea da magnà

e po’ pe’ rengrazià’ el Signore,

‘ndacea tutti in cappella pe’ pregà.

Era cresciuta in grazia, in abbundanza

l’Abbadia nostra

tantu che se ‘ulei dì calcò’ [3]

de bellu, de speciale, de ricchezza,

el nome sua segnefecaa ‘n bel po’:

se do’ parlaa fittu per tant’è [4],

se li edea la gente c’ea da dì:

– E na matina! Cu’ ci aranne da spartì! [5]

Mancu se se spartisse l’Abbadia! -.

 

Nel dialetto, da abbadìa (anche abadìa), latino tardo abbatìa, vanno segnalati: – ‘badéssa, màtre ‘badéssa detto di donna che si atteggia a comandare, a disporre o comanda e dispone realmente (e scì, e chi je parerà da èsse’, la màtre badéssa”? – ‘badiàle, grande, come di grandi dimensioni erano le tenute abbaziali.

[1] Li rimettevano in salute

[2] Per assistere le persone, aiutarle nel bisogno

[3] Qualche cosa.

[4] Se per caso due parlavano fitto …

[5] Per la miseria! Che cosa avranno da dirsi di così importante!

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>