newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Dialetto in pillole (4)

Che differenza passa tra una biràga e una biràra?

 

biràga – sost. f.: donna dall’aspetto e comportamento mascolini; anche dal carattere risoluto; pure donna aggressiva o sgradevole; dal latino virago/viràginis, con passaggio v>b (come vox>bóce) e creazione della forma femminile in a.

biràra – sost. f., donna pigra e che ama sapere le cose degli altri; voce di origine incerta. Forse da birru, variante del latino burru, rosso fuoco. È dunque da escludere il rapporto con bìru, montone. Da bìrru si forma il femminile biràra,  donna oziosa come le tacchine durante i lunghi periodi di cova o impicciona dall’uso dei tacchini di girare di continuo beccando qua e là come le chiacchierone che ascoltano e parlano dappertutto. Può però essere voce onomatopeica di richiamo birbir. (cfr. il “Vocabolario etimologico romagnolo” di Gilberto Casadio, Imola, ed. La Mandragora, 2008).

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>