newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Poletti: «Laurearsi con 110 e lode a 28 anni non serve a un fico»

Giuliano Poletti (Corriere della Sera)

Giuliano Poletti (Corriere della Sera)

Il ministro: «Meglio prendere 97 a 21 anni. In Italia il problema è il tempo»

L’ironia su Twitter: lui ha risolto il problema non laureandosi

di Antonella De Gregorio (Corriere della Sera)

Il ministro del Lavoro torna a strigliare i giovani: «Prendere 110 e lode a 28 anni non serve a un fico, è meglio prendere 97 a 21», ha detto Giuliano Poletti, dialogando con gli studenti durante la convention di apertura a Veronafiere di «Job&Orienta», la 25esima mostra convegno nazionale dell’orientamento, scuola, formazione, lavoro. Poletti attacca, e i giovani, chiamati di nuovo in causa da un ministro del Lavoro, rispondono rabbiosamente su Twitter. L’ultima volta era stata Elsa Fornero a bollarli come «choosy», schizzinosi. Un’accusa che ancora brucia. Stavolta a fargli la ramanzina è stato l’ex presidente della LegaCoop, che è stato immediatamente sommerso da uno tsunami di post polemici, molto polemici. Il ministro svaluta la lode presa a quasi trent’anni? «Lui aveva risolto così il problema: non s’è laureato». Poletti crede che studiare non serva? «Basta sentirlo parlare per capire». E ancora: «Ecco la summa del pensiero di #Renzi e #Poletti: l’elogio dell’ignoranza».

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>